Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Pilecki, l’eroe che entrò volontario ad Auschwitz e fuggì per raccontarlo al mondo

WITOLD PILECKI
Condividi

Le sofferenze del campo di concentramento furono per lui inferiori alle torture alle quali venne sottoposto nella Polonia staliniana

Nemico della Nazione

Pilecki trascorse 947 giorni ad Auschwitz, vivendo, osservando e analizzando il funzionamento del campo. Dopo essere fuggito con due compagni, scrisse, insieme ai rapporti di Jan Karski, il primo resoconto sull’attività della “fabbrica della morte”.

Lì identificò i suoi punti deboli, visto che come affermò “potrei abbandonare il campo quando voglio”. Anche se si ammalò varie volte e perse molti denti, credeva che i nazisti fossero stati relativamente “delicati” con lui.

Alla fine dell’aprile 1943, decise di avere una conoscenza adeguata del campo per annotarla e consegnarla agli Alleati. Credeva che grazie alla sua fuga e ai rapporti avrebbe potuto convincerli ad attaccare Auschwitz, dove grazie a lui esisteva un movimento di resistenza composto da circa 800 persone.

Le speranze risultarono vane, e i leader del movimento di resistenza, senza sostegno esterno, considerarono l’attacco a un campo fortemente militarizzato un progetto poco realistico e pericoloso.

Quando si avvicinava al fronte orientale, Pilecki decise di tornare nella capitale, dove partecipò alla sollevazione di Varsavia. Durante la rivolta diresse uno dei comandi.

ROTMISTRZ WITOLD PILECKI
EAST NEWS

Alla fine della guerra venne arrestato e deportato nel campo di concentramento di Murnau, in Baviera. Una volta tornato in libertà ebbe l’opportunità di rimanere nell’Europa Occidentale, come molti prigionieri nelle sue condizioni, per il rischio di essere perseguitato dai comunisti, le nuove autorità della Polonia.

Pilecki, però, tornò nel suo Paese e subì la persecuzione contro le persone associate all’esercito prima della guerra e alle strutture statali del passato.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni