Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Parla mons. Hollerich: «L’Europa non diventi un mostro amministrativo: si concentri sulla persona umana»

COMECE
Condividi

Il nuovo presidente della Commissione degli Episcopati della Comunità Europea parla con Aleteia di Europa, popoli, cultura, identità.

Mons. Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo, è stato eletto per sei anni alla presidenza della Commissione degli Episcopati della Comunità Europea (COMECE) nel marzo 2018. Questa commissione, il cui segretariato è presente in maniera permanente a Bruxelles, raggruppa vescovi dei 28 stati dell’Unione europea (UE) con il compito di accompagnare le politiche condotte dall’UE. Mons. Hollerich si racconta ad Aleteia ed evoca le sfide dell’Europa e il dialogo tra la Chiesa e l’UE.

Aleteia: Come presidente COMECE lei incontrerà Papa Francesco oggi, 18 maggio. Che cosa si aspetta da lui sulle questioni riguardanti l’Europa?

Mons. + Jean-Claude Hollerich: A più riprese, Papa Francesco ha pronunciato grandi discorsi sull’Europa. Sono ricchi di grande ispirazione. Essendo di origini non europee, apporta una visione differente che può aiutare l’Europa. Mentre ispira la Chiesa su un buon numero di argomenti, egli instilla un certo rinnovamento di cui mi rallegro profondamente.

A.: Tra i discorsi che il Papa ha pronunciato c’è quello di quando ricevette il premio Carlomagno, il 6 maggio 2016: «Che cosa è successo, Europa, terra di poeti, di filosofi, di artisti, di musicisti, di letterati? Che cosa è accaduto, Europa, madre dei popoli e delle nazioni?». Lei cosa ne pensa?

+ J.-C. H.: Se il Papa ha utilizzato parole tanto forti è perché era necessario: bisogna che ci risvegliamo. Abbiamo conosciuto una primavera dell’Europa, al tempo di Robert Schuman. Poi abbiamo barcollato sotto il peso di una certa tecnocrazia. Bisogna ritrovare una nuova ispirazione perché i cittadini europei si sentano di nuovo coinvolti dalle politiche condotte dall’UE. L’Europa non deve diventare un mostro amministrativo ma deve concentrarsi sulla persona umana.

A.: Quando Papa Francesco parla di un risveglio europeo sembra dire che l’Europa si è addormentata… Su quali punti?

J.-C. H.: Su parecchi. Non si può dire, per esempio, che l’integrazione europea stia facendo dei veri progressi. Un altro rischio è quello di tracciare linee politiche disconnesse dalla vita dei cittadini europei. La Chiesa deve quindi richiamare ai responsabili europei che la vera politica è tutt’altro: essa è anzitutto democratica. Bisogna vegliare e curare che la gente pensi e desideri profondamente. E poi condurre una politica in accordo con le sue aspirazioni.

A.: Si possono anche chiosare le questioni di bioetica, sulle quali c’è una vera attesa…

+ J.-C. H.: Molto spesso le persone si sentono sovrastate da quei problemi, riservati come sono agli esperti. Ma sarebbe pericoloso prendere decisioni senza un adeguato dibattito. Senza dibattito ci si sente manipolati. C’è una certa tiepidezza dei partiti politici, su questo terreno, e di conseguenza essi vengono rimpiazzati da altre organizzazioni. Ma tradizionalmente i dibattiti erano avviati proprio al loro interno, prima di essere proseguiti nei parlamenti. Ben vengano, dunque, i dibattiti, perché in gioco c’è il nostro avvenire. Senza una seria riflessione etica non si può immaginare la costruzione del mondo di domani. A questo titolo mi rallegro del fatto che a Parigi ci sia qualcuno che sa bene queste cose e che vigila [mons. Michel Aupetit, N.d.R.].

A.: E la COMECE come prenderà posizione, in questi dibattiti bioetici?

+ J.-C. H.: Anzitutto dobbiamo restringere lo sguardo al quadro delle competenze dell’UE, in accordo con le singole conferenze episcopali. Una gran parte dei dibattiti in bioetica si sviluppano al livello nazionale. Noi non possiamo che intervenire a livello europeo e ricordare all’Europa i limiti della sua competenza quando essa si arroga competenze che non sono le sue. Dobbiamo ugualmente proporre riflessioni etiche agli uomini politici per orientare le loro decisioni, che non sono solamente tecniche o economiche, ma che trattano anche dell’avvenire dell’umanità.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni