Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una lettera mostra la rabbia di Enrico VIII nei confronti della Chiesa, ma anche una sorta di clemenza

HENRY VIII,KING,ENGLAND
Condividi

Il re voleva che l'abate venisse tirato e squartato, ma poi accordò una “semplice” impiccagione

In quello che sembra essere stato un leggero cambiamento nell’animo di uno dei re più spietati della storia, una lettera del XVI secolo mostra Enrico VIII che commuta la condanna a morte di un sacerdote a una forma di esecuzione più misericordiosa.

Il testo, mostrato al pubblico sabato, venne scritto in risposta alla notizia per la quale il tentativo del sovrano di chiudere un’abbazia era stato fermato.

HENRY VIII,LETTER
Via Norton Priory Museum Gardens

Enrico ordinò la morte dell’abate, decretando inizialmente che venisse impiccato, tirato e squartato, prima di essere esposto sulla pubblica piazza, riferisce Sky News. Quelle indicazioni vennero poi modificate, optando per una “semplice” impiccagione.

La lettera, che si pensa sia stata dettata a un segretario nell’ottobre 1536, è in mostra al Norton Priory Museum, nel Cheshire, insieme a un ostensorio d’argento dorato.

Per Sean Cunningham, responsabile dei Registri Medievali presso gli Archivi Nazionali, la lettera mostra che Enrico era interessato alla soppressione della Chiesa in Inghilterra. Nel 1536, un anno dopo l’esecuzione dei santi Tommaso Moro e John Fisher, ordinò la dissoluzione dei monasteri.

“Anche se era un re con la reputazione di delegare gli affari di Stato di routine, questa bozza di mandato mostra che Enrico VIII era molto interessato a tutto ciò che minacciava il suo potere e minava la sua sovranità”, ha affermato Cunningham. “Possiamo quasi percepire la sua indignazione mentre decide la risposta più efficace alle notizie relative all’abbazia di Norton”.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.