Aleteia
lunedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
News

Riaperte le indagini sul massacro di Gesuiti in El Salvador?

EL SALVADOR

Johan Bergström-Allen-romerotrust.org.uk-(CC BY 2.0)

Jaime Septién - pubblicato il 27/04/18

Per ora gli alti comandi militari coinvolti nel crimine continuano a risiedere nel Paese

Una decisione giudiziaria in El Salvador potrebbe significare la riapertura delle indagini ufficiali sul massacro di sei Gesuiti, un membro del personale e sua figlia avvenuto il 16 novembre 1989 presso l’Università Centroamericana (UCA), situata nella capitale San Salvador.

Il Paese è alla vigilia della canonizzazione di monsignor Óscar Arnulfo Romero (si dice che potrebbe avvenire nel gennaio 2019, quando Papa Francesco si recherà alla Giornata Mondiale della Gioventù a Panama), e questo incoraggia la necessità di rivedere – e risolvere – i crimini dell’epoca della guerra civile che ha decimato per dodici anni la popolazione salvadoregna.




Leggi anche:
Óscar Romero e gli altri 7 patroni della Giornata Mondiale della Gioventù a Panama

La decisione del giudice, risalente al 17 aprile, risponde a una richiesta dell’Istituto per i Diritti Umani dell’UCA avanzata nel novembre 2017. L’ordine è che la procura governativa riapra le indagini sull’attacco dell’esercito ai Gesuiti, sospese nel 2000.

Il Papa è stato molto presente riguardo al tema della canonizzazione di monsignor Romero e del gesuita Rutilio Grande, martirizzato nel 1977, e la sua attenzione ha esercitato pressione perché questi casi di barbarie vengano risolti.

Non è chiaro se la nuova indagine significhi che si arriverà a una soluzione definitiva. Molto dipenderà dalla volontà politica del procuratore di El Salvador di arrivare fino in fondo.

Il male non “vince” sempre

Una nuova unità investigativa all’interno dell’ufficio del procuratore generale di El Salvador è stata autorizzata a indagare sui crimini storici come gli omicidi all’UCA, il massacro di Mozote nel 1981, l’assassinio dell’arcivescovo Romero e altri episodi dell’epoca della guerra civile.

Finora gli alti comandi militari coinvolti nel massacro dell’UCA continuano a risiedere in El Salvador. Visto che cinque dei sei Gesuiti assassinati erano cittadini spagnoli, la Spagna ha chiesto insistentemente la loro estradizione, ma finora non è stata possibile per via della protezione di cui godono.




Leggi anche:
Ancora sacerdoti morti in Messico. La scia di violenza dei narcotrafficanti non si ferma

La loro situazione potrebbe tuttavia cambiare, visto che l’amnistia di cui godevano dal 1993 è stata rifiutata dal Tribunale Supremo di El Salvador nel 2016. Si ha la certezza che fossero membri del Batallón Atlacatl, un’unità di élite dell’Esercito salvadoregno addestrata nella Scuola delle Americhe dell’Esercito degli Stati Uniti.

L’obiettivo principale dei militari era il rettore dell’UCA, padre Ignacio Ellacuría, e l’ordine era quello di “non lasciare testimoni”, per cui sono caduti anche i Gesuiti Ignacio Martín-Baró, Segundo Montes, Amando López, Juan Ramón Moreno e Joaquín López. Insieme a loro sono morti anche Elba Ramos e sua figlia adolescente Celina.

Dopo gli accordi di pace firmati nel 1992 e l’amnistia del 1993 i comandi militari avevano goduto della totale impunità, ma ora potrebbero affrontare la giustizia e pagare per i loro crimini in una guerra che ha provocato 75.000 morti, 8.000 persone scomparse e oltre un milione di salvadoregni sfollati, molti dei quali si sono trasferiti negli Stati Uniti.

Una Commissione per la Verità dell’ONU, istituita nel 1992, ha verificato che il 95% degli abusi contro i diritti umani registrati durante i dodici anni di conflitto è stato perpetrato da militari salvadoregni contro i civili, soprattutto delle comunità rurali, perché sospettati di appoggiare la guerriglia di sinistra, stesso sospetto che si nutriva nei confronti dei Gesuiti.

Con informazioni di Kevin Clarke, per la rivista América.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
el salvadorgesuitiomicidio
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
RACHELE SAGRAMOSO,
Silvia Lucchetti
Rachele, da adolescente tormentata a mamma di...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni