Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 25 Giugno |
home iconChiesa
line break icon

L’“anima vittima” che voleva soffrire per accompagnare Cristo

BLESSED ALEXANDRINA MARIA DA COSTA,DE BALAZAR

PD

Larry Peterson - pubblicato il 03/04/18

La beata Alexandrina Maria da Costa spiegò che la Madonna l'aveva guidata fino a desiderare davvero la sofferenza

Alexandrina Maria da Costa nacque a Balazar (Portogallo) nel 1904. Il padre abbandonò la famiglia quando era molto piccola, lasciando la moglie e due bambine, Deolinda e appunto Alexandrina, nella povertà. Di conseguenza Alexandrina, che aveva frequentato la scuola solo per 18 mesi, venne costretta ad andare a lavorare. La bambina ad appena 9 anni aveva una forza insolita e riusciva a lavorare per molte ore svolgendo i duri lavori della fattoria.

A 12 anni Alexandrina contrasse una grave infezione. Fu sul punto di morire ma sopravvisse. Gli effetti della malattia lasciarono il segno, e la ragazzina soffriva molto ogni giorno. Nonostante questo, continuò a lavorare nei campi. Quando divenne adolescente iniziò a lavorare insieme alla sorella presso una sarta.

Le cose cambiarono rapidamente per lei. Era il Sabato Santo del 1918, e Satana stava facendo del suo meglio per distruggere la Settimana Santa a quante più persone possibile. Alexandrina, Deolinda e una sarta apprendista stavano lavorando insieme quando tre uomini fecero irruzione nella casa, decisi a violentare le tre ragazze. Alexandrina rifiutò di farsi avvicinare e riuscì a saltare da una finestra situata a quasi quattro metri dal suolo.

Si ferì gravemente. Rimase paralizzata, e i medici descrissero le sue condizioni come irreversibili, aggiungendo che avrebbe continuato a peggiorare. Nonostante questo Alexandrina, piena di fede, riusciva comunque a trascinarsi in chiesa. Pur se curva per le ferite, rimaneva in preghiera per ore. La sua salute peggiorò, e alla fine si immobilizzò. A 21 anni era ormai costretta a letto.

  • 1
  • 2
Tags:
animamalattiaportogallosanti e beatisofferenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
5
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
6
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
7
Gelsomino Del Guercio
Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tu...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni