Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

L’“anima vittima” che voleva soffrire per accompagnare Cristo

BLESSED ALEXANDRINA MARIA DA COSTA,DE BALAZAR
Condividi

La beata Alexandrina Maria da Costa spiegò che la Madonna l'aveva guidata fino a desiderare davvero la sofferenza

Alexandrina Maria da Costa nacque a Balazar (Portogallo) nel 1904. Il padre abbandonò la famiglia quando era molto piccola, lasciando la moglie e due bambine, Deolinda e appunto Alexandrina, nella povertà. Di conseguenza Alexandrina, che aveva frequentato la scuola solo per 18 mesi, venne costretta ad andare a lavorare. La bambina ad appena 9 anni aveva una forza insolita e riusciva a lavorare per molte ore svolgendo i duri lavori della fattoria.

A 12 anni Alexandrina contrasse una grave infezione. Fu sul punto di morire ma sopravvisse. Gli effetti della malattia lasciarono il segno, e la ragazzina soffriva molto ogni giorno. Nonostante questo, continuò a lavorare nei campi. Quando divenne adolescente iniziò a lavorare insieme alla sorella presso una sarta.

Le cose cambiarono rapidamente per lei. Era il Sabato Santo del 1918, e Satana stava facendo del suo meglio per distruggere la Settimana Santa a quante più persone possibile. Alexandrina, Deolinda e una sarta apprendista stavano lavorando insieme quando tre uomini fecero irruzione nella casa, decisi a violentare le tre ragazze. Alexandrina rifiutò di farsi avvicinare e riuscì a saltare da una finestra situata a quasi quattro metri dal suolo.

Si ferì gravemente. Rimase paralizzata, e i medici descrissero le sue condizioni come irreversibili, aggiungendo che avrebbe continuato a peggiorare. Nonostante questo Alexandrina, piena di fede, riusciva comunque a trascinarsi in chiesa. Pur se curva per le ferite, rimaneva in preghiera per ore. La sua salute peggiorò, e alla fine si immobilizzò. A 21 anni era ormai costretta a letto.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni