Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quand’è che un esorcismo è un vero esorcismo cattolico?

Shutterstock-Nixx Photography
Condividi

Molti di coloro che si dicono esorcisti in realtà non lo sono e ingannano la gente

Ai giorni nostri si parla e si scrive molto di “esorcismo” ed “esorcismi”, e in America Latina i culti che offrono esorcismi sono un fenomeno preoccupante. Va anche menzionata l’influenza di film, serie televisive, programmi e molti libri e riviste che purtroppo non presentano il tema in modo serio, corretto e obiettivo. A tutto questo bisogna aggiungere il fatto che sono comparsi molti sacerdoti e laici che si definiscono esorcisti, provocando inganno e confusione in fedeli che conoscono poco la propria fede.

Cos’è davvero un esorcismo?

L’esorcismo è un antico sacramentale che la Chiesa utilizza contro il potere del demonio. I sacramentali sono cose o azioni che la Chiesa impiega a imitazione dei sacramenti per ottenere da Dio, mediante l’intercessione della Chiesa, determinati effetti di indole particolarmente spirituale. Nella tradizione cattolico-romana, la corretta definizione di esorcismo è questa: “Quando la Chiesa domanda pubblicamente e con autorità, in nome di Gesù Cristo, che una persona o un oggetto sia protetto contro l’influenza del maligno e sottratto al suo dominio, si parla di esorcismo…” (n. 1673).

L’esorcismo va inteso partendo da Gesù, dalla sua vita e dalla sua missione. Gesù Cristo annuncia e inaugura il Regno di Dio e libera la persona dal male, dal peccato e da tutte le forme di dominazione del demonio e dei suoi seguaci, che vogliono pervertire il senso vero della vita delle persone. Per questo Gesù espelleva demoni e liberava dalla possessione degli spiriti demoniaci. La Chiesa è chiamata a seguire Gesù e ha ricevuto da Lui il potere di portare avanti la sua missione nel suo nome.

La preghiera di liberazione è un’altra cosa

Non bisogna confondere la Preghiera di Liberazione con l’esorcismo. Molti cattolici che hanno partecipato a una preghiera di liberazione l’hanno confusa con l’esorcismo, e in molti luoghi in cui si realizza questa preghiera si crede che si pratichi l’esorcismo. La Preghiera di Liberazione è la preghiera che si fa per porre fine all’influenza del demonio in una persona. In genere viene realizzata da un sacerdote o da un gruppo di laici (con o senza sacerdote) che pregano Dio perché la persona sia liberata da ogni influenza demoniaca.

La grande differenza sta nel fatto che nell’esorcismo il sacerdote esorcista si rivolge al demonio, mentre la preghiera viene rivolta a Dio.

Leggi anche: Esorcismo o preghiera di liberazione? Solo il papa può dirlo

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.