Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Umorismo cristiano? L’allegra umiltà di chi si riconosce figlio

BIMBI TESTA IN GIù
Condividi

Anche noi, come gli angeli, possiamo prenderci meno sul serio e iniziare a volare perché è la fede che ci rende leggeri: Dio ci ama, basta ricordarselo spesso

di Giovanni Biolo 

La maggior parte di noi da bambino ha dovuto mettere l’apparecchio ortodontico per allargare il palato o raddrizzare i denti.

Sapete come si sposta un dente cresciuto troppo esternamente? È necessario applicargli una forza verso l’interno per un determinato tempo.
Questa forza, se ben calibrata, stimolerà un rimodellamento osseo che farà ritrovare il dente nella posizione corretta.

Il dente è come un surfista sull’onda. La forza del vento “toglie” acqua davanti al surfista e ne “accumula” dietro, permettendogli di muoversi, addirittura divertendosi. (Dopo la figura del dento-teologo introduciamo anche il “dente-surfista”).

Non tutte le forze vanno bene. Si è scoperto che solo forze leggere prolungate nel tempo spostano i denti nel migliore dei modi. Più velocemente, meno dolorosamente e, soprattutto, senza lesionare i denti.

E nel cristiano qual è quella forza leggera e sempre presente che lo fa “spostare meglio” nel corso della sua vita? L’umorismo, l’argomento dento-teologico di oggi!

Gli angeli possono volare perché non si prendono troppo sul serio” recita una massima di G.K.Chesterton ripresa anche da Benedetto XVI, il quale aggiunge: “La fede rende l’uomo leggero”.

Cos’ha questo umorismo di così speciale? Non è un semplice saper far ridere, ma molto di più. L’umorismo è quando allegria e umiltà si incontrano, con la speranza come musica di sottofondo® (le cit. del dento-teologo hanno il marchio registrato).

“Siate allegri… siano tristi quelli che non si considerano figli di Dio”, san Josemaría Escrivà. Tutto nasce appunto dal concetto di filiazione divina, ossia di sapersi figli amati di Dio. Perché se veramente crediamo questo, come possiamo essere tristi e superbi?

Dio esiste. Ma non sei tu, rilassati.
Tristezza e invidia sono quelle forze pesanti che rovinano i denti, ti faranno venire l’ernia al disco a forza di portarle sulle spalle!

Santo triste? Triste santo. Parola di santa Teresa d’Avila. Tutti i Santi infatti sono gioiosi.

Quindi vivi la vita con leggerezza. Non prenderti troppo sul serio. Ci saranno sicuramente dolori nella vita, ma non devono farti perdere la pace.

“Tizio ha detto una cosa brutta su di me”. Ok, ma non ti arrabbiare, come vorrebbe subito la superbia, pensa invece con umorismo: “Che carità! Ha detto solo una cosa brutta… si vede che non mi conosce bene!”.

Il moLare della storia è questo: la mattina, quando il cellulare suona la sveglia, per prima cosa non aprire i social network. Prendi un bel respiro e fa’ un bel sorriso: il Signore ti ha dato i denti anche per questo.

 

Testo letto durante il debutto del dento-teologo Giovanni Biolo a Radio Maria, durante l’ultima puntata della trasmissione sul matrimonio condotta dai Mienmiuaif

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni