Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 10 Aprile |
Sabato dell'Ottava di Pasqua
home iconSpiritualità
line break icon

Cosa dicono alla nostra sofferenza le 5 ferite di Cristo?

Catholic Link - pubblicato il 12/03/18

di Sebastian Campos

Il costume, la cultura religiosa, gli anni di celebrazione degli stessi misteri possono senza volerlo farci vivere la Passione del Signore come una semplice commemorazione religiosa, ricca di simbolismo e piena di contenuti, ma che ha poco a che vedere con noi. Sì, sappiamo che Cristo è morto sulla croce, ha pagato sulla propria carne con sofferenze che non meritava e lo ha fatto per amore, ma saperlo non è lo stesso che viverlo.

Questa è la parte teorica e dottrinale che ogni buon cattolico dovrebbe aver chiara e il motivo principale per valorizzare la Passione del Signore con una devozione speciale. Da questo nascono gesti di pietà come la Via Crucis, ma avete pensato che siamo stati noi a inchiodare Gesù sulla croce, a sputargli addosso, a colpirlo, a negargli un sorso d’acqua, a ridere delle sue sofferenze, e che lo facciamo quotidianamente ogni volta che disprezziamo il suo sacrificio? Facciamo parte di quell’orda che lo ha torturato e messo a morte.

“È chiaro che più gravemente colpevoli sono coloro che più spesso ricadono nel peccato. Se infatti le nostre colpe hanno condotto Cristo al supplizio della croce, coloro che si immergono nell’iniquità crocifiggono nuovamente, per quanto sta in loro, il Figlio di Dio e lo scherniscono con un delitto ben più grave in loro che non negli Ebrei”, dice il Catechismo della Chiesa Cattolica (n. 598).

Per questo, vorrei invitarvi con profonda devozione a guardare le sue ferite, quelle ferite che gli abbiamo inflitto, quelle ferite che spettavano a noi, e a darci l’opportunità di permettere che il nostro cuore si trasformi grazie al suo amore.

“Egli portò i nostri peccati nel suo corpo sul legno della croce, perché, non vivendo più per il peccato, vivessimo per la giustizia; dalle sue piaghe siete stati guariti” (1 Pietro 2, 24-25).

Le sue piaghe sono questo, non solo un castigo fisico, ma anche un carico spirituale di portata inimmaginabile, estremamente doloroso e che nessun altro se non Gesù poteva alleviare, perché “nessun uomo, fosse pure il più santo, era in grado di prendere su di sé i peccati di tutti gli uomini e di offrirsi in sacrificio per tutti” (Catechismo, n. 616).

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
feritegesù cristosofferenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
2
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
3
POGRZEB Z URNĄ
Toscana Oggi
Conservare le ceneri dei defunti in casa, ecco perché la Chiesa d...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
6
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
7
christian couple
Orfa Astorga
Coppia e religione: quando la “mescolanza” non è sana
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni