Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconNews
line break icon

L'appello disperato delle suore di Damasco: bambini traumatizzati ma nessuno ne parla

Chris Huby / Le Pictorium/East News

Aleteia Italia - Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 06/03/18

I ribelli continuano a bombardere da Ghouta verso il centro della Capitale. Le trappiste scrivono una lunga lettera: i media non raccontano questa violenza. Il francescano: vogliono decimare i cristiani

In queste settimane organismi internazionali, cancellerie occidentali e i grandi network dell’informazione hanno lanciato un attacco frontale contro il governo di Damasco e il presidente siriano Bashar al-Assad, accusandoli di colpire in modo deliberato i civili intrappolati a Ghouta est, enclave ribelle alla periferia della capitale.

“Scudi umani”

Ma c’è un’altra guerra, che i media continuano a non raccontare e che denunciano preti e suore cattolici presenti in Siria. Le monache trappiste siriane – confermando quanto affermato dal sacerdote salesiano padre Munir Hanashy – sostengono che in quella zona «sono cominciati gli attacchi verso i civili che abitano nella parte controllata dal governo, e non viceversa». Inoltre, quanti nell’area «non appoggiavano i jihadisti, sono stati messi in gabbie di ferro: uomini, donne, esposti all’aperto e usati come scudi umani».




Leggi anche:
L’altra guerra che nessuno racconta: i missili dei ribelli che uccidono i cristiani di Damasco

La paure dei bambini

«Noi che in Siria ci viviamo – sentenziano le monache – siamo davvero stanchi, nauseati da questa indignazione generale che si leva a bacchetta per condannare chi difende la propria vita e la propria terra».

Più volte, raccontano le religiose, sono andate in questi mesi a Damasco. «Siamo andate dopo che le bombe dei ribelli avevano fatto strage in una scuola, eravamo lì anche pochi giorni fa, il giorno dopo che erano caduti, lanciati dal Ghoutha, 90 missili sulla parte governativa della città. Abbiamo ascoltato i racconti dei bambini, la paura di uscire di casa e andare a scuola, il terrore di dover vedere ancora i loro compagni di classe saltare per aria, o saltare loro stessi… bambini che non riescono a dormire la notte, per la paura che un missile arrivi sul loro tetto. Paura, lacrime, sangue, morte. Non sono anche questi bambini degni della nostra attenzione?», si domandano polemicamente le trappiste.




Leggi anche:
Siria, l’eroismo dei cristiani di Aleppo merita di essere sostenuto

Due pesi e due misure

Che poi lanciano una serie di domande provocatorie: «Perché l’opinione pubblica non ha battuto ciglio, perché nessuno si è indignato, perché non sono stati lanciati appelli umanitari o altro per questi innocenti? E perché solo e soltanto quando il governo siriano interviene, suscitando gratitudine nei cittadini siriani che si sentono difesi da tanto orrore (come abbiamo constatato e ci raccontano), ci si indigna per la ferocia della guerra?».

«Preghiamo anche per i jihadisti»

Certo, proseguono le suore, anche quando l’esercito siriano bombarda «ci sono donne, bambini, civili, feriti o morti. E anche per loro preghiamo. Non solo i civili: preghiamo anche per i jihadisti, perché ogni uomo che sceglie il male è un figlio perduto, è un mistero nascosto nel cuore di Dio. Ed è a Dio che si deve lasciare il giudizio, Lui che non vuole la morte del peccatore, ma che si converta e viva».

Ma questo, concludono, «non significa che non si debbano chiamare le cose con il loro nome. E non si può confondere chi attacca con chi si difende» (Asianews, 5 marzo).

  • 1
  • 2
Tags:
guerrasiriastragesuore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni