Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Al tramonto della nostra vita saremo giudicati sull’amore

© Wikipedia
Michel-Ange, la création d'Adam, chapelle Sixtine, Rome.
Condividi

Una riflessione di Don Fabio Bartoli

È al tramonto che si giudica una vita.

E al tramonto della vita, come dice S. Giovanni della Croce, saremo giudicati sull’amore. Sarà l’amore cioè a dire se la vita che abbiamo vissuto sarà stata o no una vita piena e degna. Chi non è mai stato un tu per qualcuno se ne va da questo mondo convinto di aver vissuto un’esistenza senza senso né valore. Se ne va vuoto, perché nessuno lo ha mai riempito.

Contemporaneamente, non avendo mai trovato qualcuno da riempire di sé e fecondare, egli non ha mai avuto una terra in cui mettere radici e se ne va avendo vissuto come un nomade, senza patria né casa, senza appartenenza né famiglia, senza lasciare traccia né eredità, in una parola senza mai aver potuto dare un senso duraturo alla propria vita.

Chi non ha mai incontrato un tu perde la fede in se stesso, non è più sicuro del proprio valore e della propria bellezza, al limite nemmeno della propria esistenza, perché è l’amico che ci conferma nella nostra identità e nel nostro valore.

Senza un tu in cui riversarci e rispecchiarci non possiamo conoscere né il nostro valore né il nostro limite. Per questo chi non lo ha mai incontrato si abbandona alla frenesia del possesso, illudendosi in questo modo di darsi un’identità e un nome, riempiendo il vuoto esistenziale creato dall’assenza di relazioni. Verga racconta questa povertà spirituale in un romanzo straordinario: “La roba”. Chi non ha mai incontrato un tu tratta le persone come se fossero roba.

Non nego, in linea di principio, che poche anime elette possano riconoscere in Dio questo tu in cui riversarsi e da cui essere riempite, ma credo anche che per la stragrande maggioranza di noi, anche credenti, anche uomini di preghiera, il tu che da senso al nostro io è quello dell’amicizia. Una vita che non è mai stata spesa nell’avventura dell’amicizia mi sembra sostanzialmente sprecata, una vita che non è mai stata illuminata dallo sguardo di un amico mi sembra sostanzialmente buia.

Non è affatto scontato che io possa incontrare un tu.

Pagine: 1 2 3

Tags:
amore
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni