Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Alfonso Maria de' Liguori
home iconChiesa
line break icon

Un prete può consacrare senza mettere l’acqua nel vino?

© Public Domain

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 16/02/18

Il liturgista Finotti: deve attenersi alle formule perchè contengono degli importanti significati spirituali

Un lettore ci chiede se è corretta la consacrazione da parte del sacerdote senza mettere l’acqua nel vino. 

“Salve,

per anni ho avuto un Parroco che consacrava deliberatamente in defectibus senza mettere l’acqua nel vino.

1) Ho svolto il mio dovere di credente a continuare a segnalare la cosa con dovizia di particolari all’ordinario diocesano?

2) Ho svolto il mio dovere di ministro a rifiutarmi di distribuire l’eucarestia in defectibus?

3) Come mai ci sono persone che davanti alla mia osservanza della transostaziazione eucaristica mi accusano di vendetta contro il parroco senza riconoscere che ho svolto correttamente il mio dovere di cattolico e di ministro?

Grazie della risposte che mi vorrete dare”.

Lettera firmata

1. L’interrotta Tradizione

Le Premesse al Messale Romano (IGMR,2000), risponde ad Aleteia il liturgista Don Enrico Finotti, a riguardo dell’infusione dell’acqua nel calice nei riti dell’«offertorio», affermano:

Poi, stando a lato dell’altare, [il sacerdote] riceve dal ministro le ampolline e versa il vino e un po’ d’acqua nel calice, dicendo sottovoce (la formula prescritta) (IGMR n. 142).

Se vi è l’assistenza del diacono, il rito dell’infusione è compiuto da lui in questo modo:

… versa il vino e un po’ d’acqua nel calice, dicendo sottovoce: L’acqua unita al vino, e presenta poi il calice al sacerdote. La preparazione del calice, cioè l’infusione del vino e dell’acqua, (il diacono) la può fare alla credenza (IGMR n. 178).




Leggi anche:
Il mio parroco ha cambiato la formula durante la Consacrazione. La comunione era ancora valida?

Queste brevissime indicazioni collegano la celebrazione eucaristica vigente con la secolare tradizione della Chiesa, che fin dalla sua prima testimonianza storica (san Giustino, martire II sec. in «Apologia prima») attesta l’uso del vino misto ad acqua:

… si porta a colui che presiede una coppa d’acqua e vino temperato…

Da questa prima attestazione la Chiesa sempre ha presentato all’altare il pane, il vino e l’acqua per l’infusione nel calice. Si tratta allora di un rito veramente antico ed universale al quale la Chiesa si sente legata nella continuità di una tradizione ininterrotta.

2. Significati mistici

Ben presto la Chiesa, prosegue Finotti, «ha voluto arricchire il rito con preziosi significati mistici. La liturgia Romana, ricorrendo alla splendida colletta natalizia, evidenzia nell’infusione dell’acqua nel calice l’unione della natura umana con la natura divina nel mistero dell’Incarnazione del Verbo e al contempo l’unione sacramentale dei fedeli col Corpo e il Sangue di Cristo, divenendo essi in tal modo suo Corpo mistico». Così, infatti, il sacerdote, nell’infondere l’acqua nel calice, dice con voce sommessa:

L’acqua unita al vino sia il segno della nostra unione con la vita divina di colui che ha voluto assumere la nostra natura umana.

  • 1
  • 2
Tags:
comunioneconsacrazionevino
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni