Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Amici per sempre?

Condividi

Grazie per tutto ciò che mi hai dato. Ora ti lascio andare con amore

Che ci piaccia o meno, alcune amicizie hanno una data di scadenza, o meglio si trasformano, perché non sempre si perdono o si smette di essere amici.

Mi è costato molto capirlo, e soprattutto accettarlo.

Ho vissuto quello che significa avere una BFF, Best Friend Forever, una migliore amica per sempre, e anche quello che ha fatto sì che quell’amicizia si trasformasse fino a smettere di essere ciò che era.

Fa male, e molto, perché la nostra natura è attaccarci alle cose e alle persone.

Difficilmente ci piacciono i cambiamenti, soprattutto quando si tratta di amicizie, in particolare quando si ha un’amica – o un amico – con cui fin da bambini si sono condivisi lacrime, dolori, gioie, funerali, il proprio matrimonio, quello dell’altra/o, figli a cui si è fatto da padrini o madrine…

La lista di esperienze condivise è interminabile, e quindi risulta inimmaginabile che tutto questo possa diventare solo un ricordo.

Questa parte della mia storia con quella persona, che in un certo momento è stata tanto importante nella mia vita, ora la capisco così: Cosa fa un maestro quando finisce di impartire la sua lezione? Se ne va. E così è stato.

Sono convinta che in qualche modo siamo tutti maestri e alunni, gli uni degli altri. Nessuno arriva nella nostra vita per casualità, ma piuttosto per causalità. E in un momento concreto, quando dobbiamo imparare per crescere, ha compiuto la sua missione e ciascuno deve andare avanti sulla sua strada.

Ma perché deve andarsene se le vogliamo tanto bene? Perché forse non si condividono più gli stessi valori o perché non ci si identifica più l’uno nell’altro, o perché forse si è smesso di alimentare il vincolo che univa.

Insisto. Fa male, e molto, ma credo che sia più triste aggrapparsi a un’amicizia che non può esistere più semplicemente perché non conviene o perché non ci stiamo facendo del bene.

È una questione di accettare che il tuo tempo nella mia vita, come il mio tempo nella tua, è terminato.

lightwavemedia / Shutterstock

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni