Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 23 Settembre |
San Maurizio
home iconStorie
line break icon

Un anno dalla morte di Gaspard. «Quelli che l’hanno pregato hanno ricevuto copiose grazie»

Caroline Becker - pubblicato il 01/02/18

Abbiamo ricevuto testimonianze di persone che hanno pregato Gaspard e che hanno ricevuto numerose grazie. Alcuni genitori hanno perfino dato ai loro figli nascenti il nome di Gaspard. Sono cose che ci hanno commossi. Ci sono anche alcune persone che hanno ritrovato la fede grazie alla nostra esperienza e degli adulti che hanno chiesto il battesimo. Un chirurgo, un giorno, ci ha chiamati per dirci che aveva cambiato il modo di guardare i suoi pazienti. Si è reso conto che prima di essere l’ennesimo numero, il paziente era innanzitutto un essere umano, e che bisognava preoccuparsi anche dell’essere che si nasconde dietro alla cartella clinica. Ricevere tutte queste testimonianze ci conforta molto, specie quando si ricevono – per quanto possano essere minime – calunnie infamanti come se speculassimo sul nostro bambino. Questo ci ferisce, evidentemente, ma quando nel mucchio delle reazioni riceviamo tutte queste testimonianze torniamo a respirare e a trovare motivazione. Ogni volta che ho dei dubbi sulla pertinenza della nostra testimonianza, quando mi domando “ma dobbiamo continuare questa cosa o no?”, riceviamo testimonianze talmente forti che ci vediamo un segno, il segno di andare avanti. Testimoniare significa sempre assumersi un rischio.

C. B.: Gaspard si è spento il 1o febbraio 2017. In che cosa la sua dipartita ha cambiato la vostra vita da un anno a questa parte?

B. C.: La nostra vita con Gaspard ha totalmente cambiato la nostra relazione col fatto della fede. L’ha purificata. Poi ha cambiato le nostre abitudini e il modo di affrontare la vita. Abbiamo voluto vivere questo lutto serenamente coi nostri bambini. Quando ci viene una botta di malinconia, ci rientriamo sulla nostra famiglia e non nascondiamo ai nostri figli la nostra sofferenza. Il giorno in cui abbiamo capito che Arthur, il nostro primogenito, non piangeva mai perché non ci vedeva piangere, abbiamo provato molta pena. È importante che sia naturale, con loro; che si possano esternare i momenti di felicità come quelli di tristezza. La pagina Facebook, il libro… sono belle testimonianze, entrambe sono un passo nel lutto, per noi… ma non sono il cuore della nostra vita. Non vogliamo disperderci troppo ma restare focalizzati sul punto centrale della nostra vita: la nostra relazione sponsale e i nostri bambini.

C. B.: State preparando un film che uscirà il 5 febbraio su KTO. Può parlarcene?

B. C.: Non è un progetto avviato da noi. Siamo stati contattati da Steven e Sabrina Gunnell; entrambi volevano produrre, parallelamente alla loro attività professionale, qualcosa che fosse pieno di senso. Avevano fatto un primo film su Damien Ricour, un attore cattolico morto di cancro. In seguito a questo progetto ci hanno chiesto se fossimo d’accordo col fare un film sulla vita di Gaspard e abbiamo accettato. In pratica si tratta di un docufilm in cui Steven e Sabrina raccolgono le testimonianze delle persone che hanno conosciuto Gaspard: la famiglia, il personale medico, gli amici, i sacerdoti. Il film va al di là del libro e della nostra personale testimonianza. Esso condivide lo sguardo di quelli che hanno conosciuto Gaspard lungo il corso della sua vita.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

  • 1
  • 2
Tags:
bambinimalattiatestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
5
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
6
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
7
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni