Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 20 Giugno |
Beata Vergine Maria Consolatrice
home iconSpiritualità
line break icon

Scopri le “quattro fasi” degli Esercizi Spirituali

Teenagers praying

Philippe Lissac / Godong

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 29/01/18

Coincidono con altrettante settimane. Si parte con un esame di se stessi, si termina con la risurrezione di Cristo

Vuoi avvicinarti agli Esercizi Spirituali? Prima di seguire il loro percorso ti consigliamo di leggere quanto durano e che cosa, praticamente, si fa durante gli Esercizi.

Mark Rotsaert spiega le “quattro fasi”, che coincidono con quattro settimane, in “Esercizi Spirituali di Sant’Ignazio” (edizioni San Paolo).

Per essere capaci di sentire la chiamata di Cristo, premette l’autore, è necessaria una preparazione. Per questo gli Esercizi si aprono con una meditazione su un testo intitolato “Principio e Fondamento” (ES 23). Il suo scopo è aiutare chi fa gli Esercizi ad assumere un atteggiamento di totale disponibilità a Dio, già presentato ripetutamente come «Creatore e Signore».

Prima settimana

Chi fa gli Esercizi prende consapevolezza di quello che gli impedisce di ascoltare, del tutto o in parte, la parola di Dio. Si accorge che il suo sguardo su di sé e sul mondo differisce da quello proposto dal vangelo. È quindi stato indotto a compiere atti poco conformi a quelli ispirati da Dio e di conseguenza la sua libertà interiore ne è stata condizionata.

Luce su se stessi

Nel corso di questa prima tappa, l’esercitante è dunque invitato a far luce su di sé. Attraverso la preghiera metodica scopre a poco a poco i punti della sua vita in cui ha bisogno di conversione, di perdono e di misericordia. Fa ricorso alla memoria, all’intelligenza e alla volontà.

Le regole per il discernimento spirituale destinate alla prima settimana (ES 313-327) aiutano l’affettività dell’esercitante a conformarsi alla sensibilità dei vangeli.




Leggi anche:
4 modi in cui Sant’Ignazio può aiutarvi a crescere nell’intelligenza emotiva

Dalla preghiera alla penitenza

Alle soglie della seconda settimana, il libretto degli Esercizi (ES 73) propone un insieme di note complementari, consigli precisi su alcuni atteggiamenti da assumere: preparazione alla preghiera, rilettura, condizionamento esterno e penitenza, sia interiore che esteriore. Il criterio d’uso di questi consigli è semplice: «Per meglio trovare quello che si desidera» (ES 73).

Le proposte del libretto

È la dinamica stessa degli Esercizi. Come è stato già detto, non esistono consigli validi per tutti: quello che è d’aiuto per uno può essere un ostacolo per un altro. Per esempio, è poco probabile che tutti siano aiutati allo stesso modo da uno stesso tipo di penitenza…

Spetta all’accompagnatore dar prova di capacità di valutazione. Ma è altrettanto importante che l’esercitante orienti correttamente la sua ricerca. All’inizio di ogni esercizio il libretto propone all’esercitante di domandare ciò che desidera: per esempio, la costernazione per i peccati commessi, la partecipazione al dolore di Cristo all’inizio della passione.


WOMAN,PRAYING

Leggi anche:
Chi ha inventato gli Esercizi Spirituali? E perché sono stati scritti?

Seconda settimana

L’esperienza del perdono di Dio vissuta alla fine della prima settimana suscita nell’esercitante il desiderio di impegnarsi nella sequela di Cristo. E la seconda settimana (ES 91ss), che ha lo scopo di rendere effettivo questo impegno, si apre con una meditazione su “il Regno” che, mettendo in scena «la chiamata del re temporale [che] aiuta a contemplare la vita del Re eterno», indica la chiamata di Cristo a stare dalla sua parte.

  • 1
  • 2
Tags:
esercizi spirituali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni