Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chi ha inventato gli Esercizi Spirituali? E perché sono stati scritti?

WOMAN,PRAYING
Condividi

Sant’Ignazio ha avuto un ruolo decisivo ma le origini di queste pratiche spirituali non risalgono a lui

Come sono nati gli Esercizi Spirituali? Chi li ha inventati? Mark Rotsaert inEsercizi Spirituali di Sant’Ignazio” (edizioni San Paolo) indaga su questo interessante tema.

In molti, infatti, pensano che gli Esercizi siano nati per mano di Ignazio di Loyola. Il santo gesuita ha avuto sicuramente un ruolo decisivo nella scrittura e nella redazione di essi. Ma lui stesso ha appreso queste tecniche, utili a far accrescere la propria spiritualità, da tre ordini di frati che li hanno diffusi per primi.

Ebbene sì: i primi a gettare le basi per gli Esercizi sono stati, nell’ordine, francescani, benedettini e domenicani. Vediamo in che modo.

Leggi anche: Esercizi spirituali, la morte di Gesù troppo “scandalosa” per non essere vera

I francescani a La Salceda

Alla metà del XV secolo nasce in Spagna un vasto movimento di riforma degli ordini religiosi. Il primo e il più influente sorge tra i francescani. Il loro convento di La Salceda in Castiglia è di gran lunga il più importante per questo cambiamento.

La spiritualità di questi religiosi si distingue per alcune caratteristiche: preghiera interiore e affettiva, importanza della solitudine, vita secondo l’esempio di Cristo povero e umile.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni