Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 18 Giugno |
San Gregorio Barbarigo
home iconFor Her
line break icon

Prima di essere un indice è stata una donna: Apgar e la pagella della vita! (VIDEO)

Shutterstock

Paola Belletti - Aleteia Italia - pubblicato il 08/01/18

La scienziata americana, Virginia Apgar, dall'osservazione di migliaia di neonati, ha perfezionato un test di valutazione perinatale che permette di conoscere in tempi rapidi lo stato di salute del bambino e di salvare così migliaia di vite

Ultima decisiva spinta. La madre crolla sul lettino, esausta e felice. Le urla del piccolo riempiono tutti di gioia. E’ probabile che si calmino al suono della voce della mamma o al contatto con la sua pelle. Può essere anche che, se non è svenuto nel frattempo, il papà venga coinvolto nel taglio del cordone ombelicale. Il bimbo è nato e sembra stia bene.

Sembra! Ma come si fa a saperlo con maggiore sicurezza e in fretta? In tempo cioè per intervenire ad aiutarlo? Ora ci sembra scontato, perché è una valutazione che si fa in tutte le sale parto. Uno standard, un protocollo internazionale. Il famoso Indice di Apgar, la prima pagella che si meritano i nostri figli appena usciti alla luce.

Si tratta di un esame per nulla invasivo, semplice e veloce. Eppure prima non c’era. Prima che una donna americana,Virginia Apgar si facesse una semplice domanda. Aveva studiato fino alla laurea con risultati eccellenti pur dovendo attraversare peripezie e crisi, compresa quella devastante del ’29, che colpì duramente anche la sua famiglia; si era inserita con coraggio nell’ambito medico allora appannaggio quasi esclusivo degli uomini, attraverso la porta di servizio della anestesiologia (e senza smettere di studiare e suonare il violino!).

Era la prima metà del Novecento e la mortalità neonatale era ancora elevata, nonostante sempre più donne partorissero in ospedale.




Leggi anche:
“Dio, darei la vita per salvare questi bambini!”

I medici in sala parto si concentravano esclusivamente sulle madri. I bimbi deboli e in difficoltà venivano spesso lasciati morire.

Virginia si chiese: “Perché muoiono? E come mai non ce ne accorgiamo in tempo per fare qualcosa e salvarli?

Aveva studiato anestiosiologia, specialità allora considerata ancillare rispetto alle altre grandi discipline mediche. Ma proprio da essa trarrà l’ipotesi di lavoro per la valutazione perinatale: durante gli interventi chirurgici esisteva un protocollo consolidato di osservazione per tenere sotto stretta osservazione lo stato del paziente.

Perché non fare lo stesso con i neonati? Ecco allora che la Apgar individua cinque parametri vitali da considerare a ridosso della nascita e a intervalli regolari. Ad ognuno di essi si possono assegnare da zero a due punti.

Per questo se il vostro bimbo prede un bel dieci avete ottimi motivi per stare tranquille. Ma non dobbiamo necessariamente cedere alla preoccupazione se il primo voto è basso. Succedono molte cose in pochi minuti.

Apgar score
Public Domain

  • 1
  • 2
Tags:
maternitàparto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni