Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 13 Giugno |
Cuore Immacolato
home iconNews
line break icon

Un motivo in più per scegliere il parto naturale? La salute del neonato

Momma Loves CC

Lucandrea Massaro - Aleteia - pubblicato il 09/02/16

La bellezza del corpo femminile passa anche dagli accorgimenti che la Natura ha "ideato" per dare salute ai bambini appena nati

Il corpo della madre regala nutrimento e protezione al bimbo davvero fino all’ultimo minuto, anche mentre il neonato passa attraverso la vagina per venire al mondo la madre gli dona un ultima essenziale protezione: il microbiota materno che li aiuterà a non avere asma, celiachia e diabete di tipo 1. Il contatto tra la pelle del bambino e le pareti della vagina permettono il trasferimento che in un mondo in cui sempre più bambini nascono col cesario rischiano di perdere questa ulteriore dono per il sistema immunitario. Lo racconta La Stampa.

Ora recenti studi americani provano a correre ai ripari promettendo una rivoluzione nelle cure ostetriche testando su circa 1500 neonati l’applicazione di un tampone sulla pelle – 3 minuti dopo il parto – che precedentemente è stato fatto sulla vagina della madre circa un’ora prima.

Dopodiché, per sei volte nel mese successivo al parto, hanno raccolto un totale di 1519 campioni da diverse parti del corpo dei neonati. Obiettivo: verificare, attraverso tecniche di sequenziamento genico, che i batteri «trasferiti» dalla mamma facessero ancora parte della loro cute.I risultati dello studio, consultabili attraverso le colonne di Nature Medicine, confermano la buona riuscita dell’operazione. Confrontando le specie batteriche presenti sulla superficie cutanea dei neonati nati da parto naturale e da parto cesareo, poi «trattati» coi batteri materni, le differenze erano minime (più marcate nei tamponi orali e cutanei). «Si tratta di un intervento molto interessante e alla portata di tutti gli ospedali», è il commento di Dennis Kasper, microbiologo e immunologo all’Harvard Medical School di Boston.

Fino a quando però questo trattamento non sarà stato dimostrato come efficace e messo a disposizione dell’intera comunità scientifica, la scelta del cesareo dovrebbe essere drasticamente più contenuta, a differenza di quanto accade in Italia dove – specie nel Sud Italia – c’è un ricorso al parti chirurgico estremamente più alto di quanto consigliato dall’OMS.

Lo spiega Serena Donati, responsabile del reparto Salute della donna e dell’età evolutiva dell’Istituto Superiore di Sanità:

«Come qualsiasi intervento chirurgico aumenta i rischi per la donna, tanto più se non ci sono valide ragioni per evitare di partorire per via naturale», spiega Donati. Eppure ancora lo scorso anno un parto su quattro è avvenuto con taglio cesareo, quando i dati internazionali dicono che in un Paese con adeguata assistenza sanitaria il loro numero non dovrebbe superare il 10-15% del totale. Medie che non danno il quadro della realtà, visto che in alcuni ospedali si sceglie il cesareo in ben oltre il 60% dei casi, percentuale sfiorata dalla Campania nel suo complesso. E guarda caso al bisturi si ricorre di più quando ci si rivolge al privato. Dove a volte il parto diventa un business. Anche a discapito della donna (La Stampa, 29 dicembre2015)
Tags:
corponeonatoparto cesareoparto naturalepartorire
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Histórias com Valor
Bambino uscito dal coma: ho visto la mia sorellina abortita
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni