Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 07 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Certo che si può vivere felici anche da single! Ma forse non così…

shutterstock_570628189

Shutterstock

Paola Belletti - Aleteia Italia - pubblicato il 14/12/17

La "singletudine" come scelta di vita felice e ostentata per le donne del nostro tempo è, secondo Kate Bolick, un'istanza decisiva che deve imporsi all'attenzione dell'opinione pubblica

Cercavo libri, novità, cose particolari. Mi imbatto in un articolo on line di un settimanale femminile, D di Repubblica. Caso editoriale. Singletudine felice. Zitella e contenta. Spinster, si dice sulla East Coast. Kate Bolick è l’autrice di Zitelle. Il bello di vivere per conto proprio (Sonzogno), pubblicato nel 2016 in Italia. Tutto un dire quanto questa tenace donna di una certa età (quarantaquattro anni significa essere nel mezzo del cammin di questa nostra unica vita) sia contenta di starsene per i fatti suoi a farsi gli affari propri.

Dice che compito suo sia non solo vivere felice da zitella ma anche convincere il mondo che tutto questo sia accettabile e, di più, desiderabile.

Glielo diciamo?

Il mondo lo sa già, è già straconvinto. Questa signora non lontanissima da un appuntamento biologico che se ne frega dei trend – la menopausa, si spende tutta a cercare di vivere bene la propria vita da single; ad essere indipendente e libera, a non dover rispondere a nessuno; a fare sesso piacevole su base semi-regolare.

Va bene, lo faccia. Faccia tutto questo. In fondo, seppure non così netta come alle volte speriamo, esiste una separazione tra vita privata e sfera pubblica. E allora perché si sta prodigando per farlo sapere a tutto il globo terracqueo? (Certo i libri venduti hanno il bel vantaggio di far ricevere delle somme in denaro, dopo un po’, a venderne davvero tanti).

Zitella è un altro bastione da abbattere. Poche sillabe, raramente pronunciate ormai e a scopo folkloristico; eppure, ci dicono da N. Y., c’è da buttarle giù. Meglio single piuttosto che costrette in un matrimonio mediocre, dice nell’intervista. Difficile non trovarsi d’accordo. Ancor più riconoscere originalità al principio enunciato. Assomiglia a quella della famosa dottoressa, Grazia A., che impazza sui social. “Meglio avere poca febbre che un febbrone da cavallo”. Ogni secolo deve avere i suoi Lapalisse, a quanto pare. Dice che è meglio sole che male accompagnate.

Che è meglio dormire tutta la notte che svegliarsi spesso. Che è bello collezionare orgasmi anziché no. Che i figli piccoli poi ti toccherebbe seguirli e pure andare ai loro saggi di danza e tutta questa attività può essere debilitante. Che è difficile pagare le bollette da sole, ma questo non deve tentarci. Che si ha più tempo per stare con gli amici (single a loro volta perché altrimenti il gioco non regge).

Che possiamo dirle noi? Che fa bene a cercare di essere felice, ma occorre si intenda bene sui termini con sè stessa, indiscussa  protagonista della storia, sempre in scena. Cerca la felicità o l’appagamento? Il compimento o lo stoccaggio di esperienze di qualità?

Mettere al centro sé stessi e i propri-desideri-inclinazioni-gusti-suggestioni, è libertà o non è invece glitterata gabbia del nostro ego? Amarsi tanto tanto tanto, dov’é che porta?

È stata a lungo fidanzata, ci informa e poi tanti anni single. Ora si è stancata quindi ha di nuovo un fidanzato. Sempre sola, a ben guardare, con l’ingombro di bisogni famelici e la evanescente presenza di esterni soddisfattori. Cosa darà all’altro se tutte le sue energie sono orientate a intercettare e trascrivere interminabili wish list? Certo alle volte si riducono a un paio di stivali e al suo cappotto caldo. E tutto questo mi basta, dice, con icastica superficialità.

Vita sociale intensa, racconta. Ma certo! Sarà davvero così. Ma perché doverla contrapporre e con un certo sprezzo al presunto abbrutimento della vita matrimoniale? Il problema vero è pensare che scopo della vita stessa sia l’appagamento, opzione vecchia quasi quanto il mondo.




Leggi anche:
Ma per parlare di moda ci tocca ripartire da Adamo ed Eva? Meglio di sì

La vita gestita come una partita a squash col muro dell’egotismo più duro, non è forse il grande inganno di ora?  Non dimentichiamo forse che la vita è denaro grosso, sonante e che va speso?

Tutti concentrati a procurarci benessere, anche per l’anima, ovvio, ci scordiamo di ardere, consumandoci; di invecchiare e offrirci. Saremmo fatti per guardare altro (e Altro), anche nell’intimo, decentrandoci.

Non risaliremo mai oltre il pelo dell’acqua se non ci saremo sforzati di abbandonare questo scafandro così pesante, il nostro io. E vivremo la tragica illusione di aver scelto i piatti giusti nel menu à la carte che pensavamo fosse la vita.

Essere single non dovrebbe diventare così importante, così decisivo. Ci sono circostanze, condizioni che spesso non abbiamo nemmeno scelto. Si può patire questa situazione oppure viverla cercando sinceramente di godere di tutte le cose belle e i vantaggi che può offrire. Può essere patita o accettata. Si può sperare sia provvisoria o accogliere con ironia che sia definitiva. Non è così importante, forse. Non tanto come sapere che in ogni caso la nostra vita è preziosa e bella. Anche non dovesse riuscirci come vogliamo!




Leggi anche:
Un unico consiglio per tutte le mie amiche single

La vita è forse di più mangiare quel che capita e camminare verso: allora anche essere zitelle può essere magnifico. Incomprese? Mortificate, forse. Stigmatizzate? Ma eunuche per il regno dei cieli. Atlete dell’anima. Vergini consacrate al dio ignoto, piuttosto! E non immolate sul grottesco altare dell’io arcinoto.

Guerriere chiuse in convento e non in sé stesse. O a camminare veloci per il mondo a portare cose e parole alle persone. A bere il tè con una vecchia signora che piange perché non riesce più a fare le scale e deve abbandonare la sua casa a Desenzano da dove vede tutto il lago, su fino a Riva del Garda.

Grazie signora che mi ricorda di pensare anche ad altro. Perché le case hanno quel vizio lì di restare dove sono e noi invece perdiamo muscoli e calcio dalle ossa mentre una forza ci tira altrove. E lei, gentile anziana signora, è una bambina rispetto all’eterno. Glielo voglio ricordare. Dobbiamo nuotare nel verso giusto della corrente. E la corrente tira verso di là. Si deve andare con la corrente, sì.




Leggi anche:
Perché alcune donne sposano se stesse?

Tags:
donnesingle
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni