Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 08 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconStorie
line break icon

La venerabile che sgattaiolava via ogni mattina per andare a Messa: Teresa Valsé Pantellini

Suore Salesiane di Don Bosco

Meg Hunter-Kilmer - pubblicato il 14/12/17

Il mondo nutriva grande ammirazione per lei, ma il suo cuore era concentrato sul Signore

Quando gli venne chiesto quali fossero le tre virtù necessarie per la vita cristiana, Sant’Agostino replicò: “Umiltà, umiltà, umiltà”. La venerabile Teresa Valsé Pantellini lo sapeva meglio di tante persone. Pur essendo stata allevata in un un ambiente agiato ed essendo talentuosa e ben educata, scelse come motto “Decido di passare inosservata”.

Nata a Milano nel 1878, Teresa trascorse buona parte della sua infanzia negli alberghi di lusso che il padre possedeva in Egitto. In seguito la sua famiglia viaggiò per l’Europa, e il padre ricevette titoli onorifici da vari Capi di Stato europei. Anche se viveva nell’opulenza, i genitori insegnavano ai figli a pregare e a servire i poveri. Teresa aveva un carattere impetuoso, ma fin da piccola l’esempio dei genitori la aiutò a indirizzare la sua forte volontà verso le cose del cielo.

Quando aveva 12 anni il padre morì. La madre decise allora di trasferirsi a Roma con i tre figli. Nel corso degli anni, Teresa divenne una giovane donna molto raffinata e una notevole pianista che parlava in modo eccellente francese e tedesco.

Se il mondo nutriva grande ammirazione per la giovane Teresa, il suo cuore era concentrato sul Signore. La sua vita pubblica poteva sembrare frivola, ma in privato Teresa faceva sacrificio dopo sacrificio per diventare sempre più simile a Cristo. “Dio ci chiede di mortificarci nelle piccole cose piuttosto che in quelle grandi”, diceva, “perché le grandi occasioni sono rare, mentre quelle piccole si presentano continuamente”.

Teresa sgattaiolava via di casa per andare a Messa ogni mattina, tornando prima che i suoi familiari si alzassero. Quando sua madre insisteva perché andasse a teatro, Teresa nascondeva un libro devozionale nel programma e rimaneva in meditazione per tutta la durata dello spettacolo. Il giorno della sua Prima Comunione, Teresa sentì la chiamata ad aderire alla vita religiosa. Dopo la morte della madre, quando aveva 21 anni, decise di “offrirmi irrevocabilmente al Signore per l’educazione delle ragazze delle famiglie povere”.

Realizzò il suo desiderio a 22 anni, entrando tra le suore salesiane. I Salesiani, però, erano un ordine rigido, che lavorava con i bambini più difficili e viveva in condizioni di massima penitenza. Il superiore era scettico sul fatto che qualcuno che aveva vissuto in modo agiato come Teresa potesse sopravvivere a uno stile di vita simile e la mandò via, incoraggiandola a sposarsi. Ma lei tornò. Il superiore le disse di entrare in un altro ordine la cui vita non fosse così dura, ma Teresa rifiutò. La mandò a vedere come vivevano le suore salesiane, certo che avrebbe rinunciato, ma lei tornò ancora una volta. Finalmente convinto, padre Marenco iniziò a vedere che Teresa non solo aveva la vocazione, ma ne aveva anche una fuori dal comune.

Dopo la sua formazione venne assegnata all’insegnamento delle ragazze povere nel quartiere romano di Trastevere. Pur avendo un temperamento forte, Teresa non perse mai le staffe, neanche quando sembrava volesse farlo. Una volta una ragazza le sputò in faccia, e lei, determinata a far sì che l’umiltà e l’amore fossero i principi guida della sua vita, rispose con gentilezza anziché con rabbia.

  • 1
  • 2
Tags:
educazioneliturgiasalesianisantasuore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni