Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 28 Febbraio |
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Dopo che il suo bambino è nato senza arti, una mamma ha testimoniato un miracolo

web3-baby-limbs-missing-forrest-alexandra-seaman-gofundme

Funds for Baby Forrest | GoFundMe | Fair Use

Cerith Gardiner - pubblicato il 12/12/17

La preghiera di Alex Seaman “non è stata solo ascoltata, ha ricevuto una risposta”

Quando Alex Seaman stava aspettando il figlio Forrest ha vissuto una gravidanza normale senza nulla di cui doversi preoccupare – fino a cinque giorni prima della nascita. Alex, che ammette tranquillamente di essere contraria a molti interventi medici, si è sottoposta a tutti i test e le visite con il ginecologo, ma ha scelto di non fare ecografie negli ultimi stadi della gravidanza. “Secondo chiunque andava tutto bene”, ha affermato.

[protected-iframe id=”812416a3045744004424db01390da513-95521288-92537038″ info=”https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fphoto.php%3Ffbid%3D10102248389336754%26set%3Da.686220292084.2260459.21306604%26type%3D3&width=500″ width=”500″ height=”696″ frameborder=”0″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no”]

In prossimità della scadenza del termine, tuttavia, i medici volevano controllare lo sviluppo del piccolo, e quindi alla 41ma settimana e mezza Alex ha fatto un’ecografia che ha mostrato che Forrest aveva delle anomalie agli arti, e che era anche in posizione podalica. I progetti di Alex per un parto sereno a casa – per quanto sereno possa essere qualsiasi parto – sono andati in fumo, ed è stata mandata subito in ospedale per essere sottoposta a taglio cesareo.

Forrest è nato in perfetta salute, ma non aveva entrambe le gambe e il braccio sinistro, mentre il braccio destro era cresciuto ma le ossa erano fuse con quelle della mano. I medici non hanno saputo spiegare perché gli arti di Forrest non si siano sviluppati, e Alex ha dovuto affrontare sia le difficoltà del primo figlio che lo scombussolamento emotivo per il fatto di aver dato alla luce un bambino senza arti.

[protected-iframe id=”36270124f07fc8809eb28bbb7aa336ad-95521288-92537038″ info=”https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fphoto.php%3Ffbid%3D10102387609777874%26set%3Da.893794955794.2333835.21306604%26type%3D3&width=500″ width=”500″ height=”502″ frameborder=”0″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no”]

La sua preghiera era quella che qualsiasi madre farebbe per il proprio figlio: “Che chiunque lo conosca lo circondi dello stesso amore e della stessa accettazione senza condizioni che noi provavamo per nostro figlio”.

Alex ha confessato che la sua preghiera “non è stata solo ascoltata, ma ha ricevuto una risposta”, ed è stata questa risposta alla sua “rara ma profondamente onesta richiesta di aiuto” che l’ha aiutata a capire quello che un insegnante le aveva detto una volta: “Non credo nei miracoli – conto su di loro”.

In questo caso il miracolo è stato l’atteggiamento della sua comunità. In risposta alla sua richiesta, il gruppo di persone “più fedeli e di preghiera” si è stretto intorno a lei, dandole non solo aiuto pratico sotto forma di donazioni per le necessità future di Forrest, pannolini e assistenza da parte di terapeuti che hanno messo a disposizione le proprie capacità, ma offrendo anche “donazioni spirituali” “sotto forma di preghiere, auguri e amore”. E questo è stato solo l’inizio.

La comunità ha pregato insieme, e una signora si è offerta di presentare Forrest nella sua chiesa perché potesse essere benedetto dal ministro. Stilisti attenti hanno mandato abiti idonei a lui. È stato davvero un caso in cui la gente ha pensato generosamente a un neonato e ai suoi genitori dando al piccolo il benvenuto che meritano tutti i bambini.

“Abbiamo ricevuto abbracci da perfetti estranei, tutti ci ricordavano che Dio è buono e che è all’opera”, ha ricordato Alex.

Con un tale sostegno, Alex confessa di non aver avuto il tempo di abbattersi. “A ogni passo che facevo c’era una persona che mi ricordava che la vita opera in modi misteriosi, e tutti ci portano alla verità”. Per Alex, la sua famiglia e la sua comunità la verità è che “siamo tutti insieme in questa avventura”.

[protected-iframe id=”5f8e645c2b73d72f7107bbf0947f8383-95521288-92537038″ info=”https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fyogaisalex%2Fposts%2F10102334915532564&width=500″ width=”500″ height=”464″ frameborder=”0″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no”]

Alex sa bene che la sua famiglia affronterà delle difficoltà nel corso del tempo, e che potrebbe “ricadere nella vecchia abitudine di dare colpe o dubitare di sé”, e quindi vuole sostenere questa richiesta di aiuto ringraziando la sua comunità per le preghiere e il sostegno.

“Se più persone tra noi ammettessero che non stanno bene o che hanno bisogno degli altri avremmo più possibilità di servire”, ha osservato. Dopo tutto, non è forse quetso il motivo per il quale ci troviamo su questo pianeta?

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
disabilitàfiglimadripreghiera
Top 10
See More