Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

5 religiosi che sembrano cavalieri Jedi (e agiscono come loro)

Condividi

Luke Skywalker è ovviamente francescano (ma potrebbe anche essere carmelitano o gesuita)

Gesuiti

Georgetown University

Esternamente i Gesuiti non assomigliano particolarmente ai Cavalieri Jedi, ma l’aspetto di Luke Skywalker ne Il Ritorno dello Jedi è molto simile alle vesti nere dei Gesuiti.

Spiritualmente parlando, i Gesuiti hanno molto in comune con gli Jedi. Ad esempio, Sant’Ignazio di Loyola insegna le “due bandiere”, un esercizio in cui l’anima immagina di essere su un campo di battaglia e di vedere la bandiera di Cristo e quella di Satana. L’anima deve compiere una scelta tra queste due bandiere e scegliere chi vuole servire. In sostanza, deve scegliere tra la Luce e l’Oscurità.

Un altro punto in comune è il concetto di Sant’Ignazio di essere un “soldato di Cristo”. I Gesuiti erano perfino chiamati “la fanteria di Cristo” per il loro forte desiderio di andare in tutto il mondo e conquistare anime per Cristo. Sono veri “guerrieri spirituali” che vanno a salvare il mondo dall’influenza del Lato Oscuro.

Cavalieri Templari

PD

Riferendosi a un ordine religioso ormai sciolto, nelle prime sceneggiature della storia di Guerre Stellari George Lucas scrisse di un sedicenne che entra nell’“Intersystems Academy per formarsi come potenziale Templare Jedi”. Si noti l’uso di questa definizione, che rimanda all’ordine militare religioso cattolico noto come Cavalieri Templari. La parola “Templare” venne presto abbandonata, ma Lucas non scartò del tutto l’idea, riferendosi a loro nei suoi film come ai “Cavalieri Jedi”.

Lo scrittore Terrance MacMullan ha spiegato come i Cavalieri Templari “fossero stimati più degli altri per la loro austerità, devozione e purezza morale. Come gli Jedi, praticavano la povertà individuale in un ordine monastico-militare che gestiva ingenti risorse materiali”. Perfino l’abbigliamento dello Jedi ricorda quello dei “monaci-guerrieri cristiani che facevano voto di povertà, castità e obbedienza”.

Purtroppo si diffusero voci su rituali segreti e insegnamenti eretici impartiti alle nuove reclute dei Cavalieri Templari, e re Filippo IV di Francia approfittò della situazione per confiscare le ricchezze dell’ordine. È possibile che questo episodio abbia influenzato Lucas, come è stato sottolineato: “Come nel caso della Grande Epurazione Jedi ordinata dal cancelliere Palpatine ne ‘La Vendetta dei Sith’, il re di Francia Filippo IV annientò i Cavalieri Templari dopo averli arrestati a centinaia il 13 ottobre 1307 e averli poi torturati e giustiziati per eresia”.

Monaci irlandesi

PD

Alla fine de Il Risveglio della Forza e all’inizio de Gli Ultimi Jedi, Luke Skywalker vive in quello che si crede sia il “Primo Tempio Jedi”. Le scene sono state girate accanto a un vero monastero su un’isola al largo dell’Irlanda. I monaci irlandesi erano molto simili ai Cavalieri Jedi e condividevano parte della loro spiritualità.

Anche loro si ritenevano “guerrieri spirituali” in prima linea in una battaglia spirituale. Anziché andare nel mondo come i Gesuiti, però, si ritiravano dal mondo per combattere i demoni dentro (e fuori).

Questi monaci irlandesi erano noti anche perché “pregavano incessantemente”, in modo simile al monaco guerriero Chirrut Îmwe in Rogue One: A Star Wars Story.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni