Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 07 Dicembre |
San Nicola di Bari (da Mira)
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

5 religiosi che sembrano cavalieri Jedi (e agiscono come loro)

web3-luke-skywalker-and-saint-francis-star-wars-youtube

Guerre Stellari / YouTube

Philip Kosloski - pubblicato il 12/12/17

Luke Skywalker è ovviamente francescano (ma potrebbe anche essere carmelitano o gesuita)

Sviluppando i personaggi dei saggi religiosi dell’universo di Guerre Stellari, George Lucas si è ispirato a personaggi reali. In alcuni casi si è trattato di una scelta deliberata, in altri di pura coincidenza.

Ad ogni modo, è difficile negare le somiglianze tra alcuni ordini religiosi cristiani e lo Jedi inventato da Lucas. Ecco cinque esempi di religiosi che non solo assomigliano allo Jedi, ma agiscono come loro e condividono una spiritualità simile.

Francescani

rembrandt_harmensz-_van_rijn_103
PD

Il semplice saio marrone dei Francescani (soprattutto quando si indossa anche il cappuccio) assomiglia molto al mantello marrone tradizionale dei cavalieri Jedi. In entrambi i casi l’abito marrone distingue da chiunque altro e riassume il carisma spirituale che si segue.




Leggi anche:
Cosa ci insegna Star Wars sulla misericordia divina

Nel caso degli Jedi il mantello era usato il più delle volte da chi aveva raggiunto i gradi più avanzati dell’ordine Jedi, come i Cavalieri Jedi e i Maestri Jedi.

Allo stesso modo, ai Francescani viene permesso di indossare l’abito solo dopo aver compleato il periodo di postulandato.

Carmelitani

591px-san_acc81ngelo_de_antonio_de_pereda_y_salgado_museo_del_prado
PD

Un altro ordine religioso che ha qualche somiglianza con i Cavalieri Jedi è quello dei Carmelitani.

Si potrebbe dire che indossino un abito Jedi “invertito” visto che hanno un saio marrone e sopra una cappa bianca, mentre la veste Jedi consiste in un mantello marrone e abiti bianchi sotto.

I Carmelitani sono noti per la loro saggezza spirituale e per il fatto di praticare meditazione e contemplazione che li portano ad alti livelli spirituali.

Gli Jedi hanno convinzioni religiose più simili agli insegnamenti buddisti, ma anche loro praticano la meditazione e sono ricercati per la loro saggezza spirituale.

Gesuiti

2016-06-20-goethals_a
Georgetown University

Esternamente i Gesuiti non assomigliano particolarmente ai Cavalieri Jedi, ma l’aspetto di Luke Skywalker ne Il Ritorno dello Jedi è molto simile alle vesti nere dei Gesuiti.

Spiritualmente parlando, i Gesuiti hanno molto in comune con gli Jedi. Ad esempio, Sant’Ignazio di Loyola insegna le “due bandiere”, un esercizio in cui l’anima immagina di essere su un campo di battaglia e di vedere la bandiera di Cristo e quella di Satana. L’anima deve compiere una scelta tra queste due bandiere e scegliere chi vuole servire. In sostanza, deve scegliere tra la Luce e l’Oscurità.




Leggi anche:
Che cos’è la Forza? E qual è la filosofia di Star Wars?

Un altro punto in comune è il concetto di Sant’Ignazio di essere un “soldato di Cristo”. I Gesuiti erano perfino chiamati “la fanteria di Cristo” per il loro forte desiderio di andare in tutto il mondo e conquistare anime per Cristo. Sono veri “guerrieri spirituali” che vanno a salvare il mondo dall’influenza del Lato Oscuro.

Cavalieri Templari

knights-templar
PD

Riferendosi a un ordine religioso ormai sciolto, nelle prime sceneggiature della storia di Guerre Stellari George Lucas scrisse di un sedicenne che entra nell’“Intersystems Academy per formarsi come potenziale Templare Jedi”. Si noti l’uso di questa definizione, che rimanda all’ordine militare religioso cattolico noto come Cavalieri Templari. La parola “Templare” venne presto abbandonata, ma Lucas non scartò del tutto l’idea, riferendosi a loro nei suoi film come ai “Cavalieri Jedi”.

Lo scrittore Terrance MacMullan ha spiegato come i Cavalieri Templari “fossero stimati più degli altri per la loro austerità, devozione e purezza morale. Come gli Jedi, praticavano la povertà individuale in un ordine monastico-militare che gestiva ingenti risorse materiali”. Perfino l’abbigliamento dello Jedi ricorda quello dei “monaci-guerrieri cristiani che facevano voto di povertà, castità e obbedienza”.

Purtroppo si diffusero voci su rituali segreti e insegnamenti eretici impartiti alle nuove reclute dei Cavalieri Templari, e re Filippo IV di Francia approfittò della situazione per confiscare le ricchezze dell’ordine. È possibile che questo episodio abbia influenzato Lucas, come è stato sottolineato: “Come nel caso della Grande Epurazione Jedi ordinata dal cancelliere Palpatine ne ‘La Vendetta dei Sith’, il re di Francia Filippo IV annientò i Cavalieri Templari dopo averli arrestati a centinaia il 13 ottobre 1307 e averli poi torturati e giustiziati per eresia”.

Monaci irlandesi

1024px-jacob_maris_-_biddende_monnik
PD

Alla fine de Il Risveglio della Forza e all’inizio de Gli Ultimi Jedi, Luke Skywalker vive in quello che si crede sia il “Primo Tempio Jedi”. Le scene sono state girate accanto a un vero monastero su un’isola al largo dell’Irlanda. I monaci irlandesi erano molto simili ai Cavalieri Jedi e condividevano parte della loro spiritualità.

Anche loro si ritenevano “guerrieri spirituali” in prima linea in una battaglia spirituale. Anziché andare nel mondo come i Gesuiti, però, si ritiravano dal mondo per combattere i demoni dentro (e fuori).

Questi monaci irlandesi erano noti anche perché “pregavano incessantemente”, in modo simile al monaco guerriero Chirrut Îmwe in Rogue One: A Star Wars Story.




Leggi anche:
Il messaggio cristiano in “Rogue One: A Star Wars Story”

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
carmelitanicavalierifrancescanigesuitistar warstemplari
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni