Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Bono, gli U2 e il Papa

Rai Uno
Condividi

Gli U2 ospiti di Fazio spiegano perché hanno tanto rispetto per Francesco

Nella puntata di ieri (10 dicembre) di Che Tempo che Fa, Fabio Fazio ha ospitato Bono Vox e The Edge, gli U2, che hanno cantato e risposto a qualche domanda del conduttore di Rai Uno.

Fin dall’esordio le domande hanno – seppur lateralmente – riguardato il Vaticano. Fazio infatti ha chiesto bonariamente a Bono cosa abbia provato nel sapere che The Edge aveva cantato nella Cappella Sistina e lui invece no, ha commentato ironicamente:  “Bhe sai, io non sono poi così tanto sicuro che sia stata la scelta più giusta…“, The Edge d’altro canto ha spiegato il suo stupore in questa richiesta:

“E’ stato bellissimo e anche un grandissimo onore per me. La cosa bella è che non è successo per via della mia musica, ma per quello che faccio a livello di ricerca medica: attraverso questi meravigliosi  dottori con cui lavoro sono riuscito ad arrivare alla Conferenza in Vaticano dove ho scoperto che mi avrebbero chiesto di suonare, allora mi sono detto: ma certo, perché no, sarei ben felice, dove devo suonare?. Una volta scoperto che avrebbe suonato proprio nella Cappella Sistina ha pensato: Ero sotto shock, era incredibile: il  suono, l’acustica in questa bellissima Cappella va avanti, ha un’eco davvero incredibile”.

Leggi anche: The Edge degli U2 suona nella Cappella Sistina contro il cancro

Ma sono le parole di Bono che lasciano stupefatti e molto colpiti quando spiega perché loro rispettano così tanto Papa Francesco e il motivo del loro impegno sociale (da anni sono impegnati in molti progetti di solidarietà in giro per il mondo):

“Il Vicario di San Pietro è davvero un servo, un servo di tutti. Tutti si chiedono dove sia Dio, dov’è questo Dio? Può essere dappertutto, in molti luoghi: qui, magari in qualche palazzo… quando noi siamo confusi su dove viva Dio, il Papa dice: andate a trovare i poveri, perché  Dio si trova dove ci sono i poveri. Il Papa capisce perfettamente e in profondità questa affermazione, ecco perché noi lo rispettiamo”.

Anche il disco che hanno presentato: Songs of Experience, è un album centrato sulla famiglia a partire dalla copertina ma non solo:

“I pezzi di Songs of Experience occupano un posto davvero speciale per noi. Durante la scrittura dei testi ci ha aiutato molto pensare alla nostra famiglia, all’amicizia e al rapporto con il pubblico. Queste canzoni sono lettere…lettere d’amore in un certo senso, una delle quali diretta all’America che in questo momento sta attraversando un momento difficile, è proprio indirizzata all’anima americana. Come paroliere volevo scrivere ciò che provavo esattamente e che sentivo, in modo particolare per la mia famiglia e la mia meravigliosa moglie che ho iniziato a frequentare nella stessa settimana in cui abbiamo deciso di fondare gli U2: è stata una settimana pazzesca”.

U2 / Sony
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.