Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
News

La protesta delle mamme: i nostri figli a scuola con il rosario al collo

Religion School

Pascal Deloche / GODONG

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 24/11/17

In una scuola di Palermo il preside fa togliere dalle pareti della scuola i simboli religiosi ritenuti "ingombranti" e vieta le preghiere. I genitori degli scolari hanno deciso una protesta davvero singolare

«Mamma perché non possiamo più pregare in classe?». I bambini di una scuola elementare e d’infanzia di Palermo non parlavano d’altro all’uscita della scuola.

Lo “stop” alle preghiere alla “Ragusa Moleti”, in corso Calatafimi, è stato imposto dal preside Nicolò La Rocca che ha infatti diramato una circolare che impedisce agli insegnanti di fare recitare le preghiere ai bambini nell’ora della merenda e persino durante l’ora di religione (Avvenire, 23 novembre).

Tutto ciò che è stato rimosso

Presto il provvedimento sarà attivo anche nelle succursali. Via anche una statuetta della Madonna e alcune immagini, come quella di Papa Francesco. Oltre alle immagini dei Papi che erano appese alle pareti della sede centrale della scuola “Ragusa Moleti”, il dirigente ha tolto anche quella di Giovanni Paolo II che si trovava nell’ufficio che gli è stato assegnato quando lo scorso settembre ha assunto il ruolo, lasciando tuttavia al suo posto il crocifisso.




Leggi anche:
Aiuto! La mia matrigna deride il crocifisso che ho appeso al muro

“Lo dice la Legge..”

Il dirigente ricorda che «considerando il parere dell’Avvocatura dello Stato dell’8 gennaio del 2009, allegato alla nota del gabinetto del Miur del 29 gennaio 2009, è da escludere ‘la celebrazione di atti di culto, riti o celebrazioni religiose nella scuola durante l’orario scolastico o durante l’ora di religione cattolica, atteso il carattere culturale di tale insegnamento».

Video pubblicato su Palermo Today

Il preside finito nel mirino delle polemiche

«Si trattava di statue molto ingombranti, anche un Buddha enorme avrebbe creato problemi. Per quanto riguarda il Natale, però, tutto si svolgerà normalmente. E’ una festa prevista dal calendario nazionale e stiamo già organizzando dei momenti di festeggiamento» (La Repubblica, 24 novembre).




Leggi anche:
Perché alcuni cattolici sono imbarazzati dalla croce?

“Dov’è il buon senso?”

«Dovrebbe bastare il buon senso, la ragionevolezza per evitare episodi del genere, se togliere l’immagine di Papa Francesco o l’immagine della Madonna, oppure il tema delle preghiere. Non fa male a nessuno avere un’immagine sacra. Mi sembra che c’entri poco la libertà e c’entri molto l’ideologia in questo atto di questo preside». Lo ha affermato a Radio Vaticana (23 novembre) il sottosegretario all’Istruzione Gabriele Toccafondi.

«Nel 2011 la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che il crocifisso a scuola non lede la libertà dei singoli e la libertà religiosa. E’ un punto della nostra cultura e della nostra storia, un punto di riflessione forte. Basta – conclude Toccafondi – con le guerre ideologiche fatte nelle scuole» (Live Sicilia, 23 novembre).




Leggi anche:
La libertà di benedire a scuola…

Genitori sul piede di guerra

I genitori, però, radunatisi all’uscita da scuola davanti all’istituto, non vogliono sentire ragioni: «Giù le mani dal Crocifisso e dalle immagini sacre. Il preside forse crede che perché siamo del Sud siamo stupidi. Finché le statue non torneranno al loro posto, faremo entrare i nostri figli a scuola con il rosario al collo. Faccia un passo indietro perché noi non ne faremo» (Palermo Today, 24 novembre).

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
immagini sacrepalermopreghierascuola
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni