Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Eppure questo limite mi ricorda chi sono

Condividi

Come la recinzione di un giardino, tutti i limiti della nostra vita ci portando a godere dei frutti che davvero ci nutrono

di Stefano Bataloni

Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male. […] Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti.. (Genesi, 2, 9-17)

Vivo in un tempo, in questa mia parte di mondo, in cui il cibo, di ogni genere, è davvero facile da raggiungere: forse ce n’è fin troppo e l’imbarazzo della scelta ormai mi mette in crisi diverse volte al giorno. Immagini, parole, conoscenze, esperienze, luoghi, oggetti…tutto vorrei vedere, tutto vorrei sapere, tutto vorrei fare, tutto vorrei gustare.

Sono cresciuto con la voglia di “mangiare” di tanti alberi e mangiandone la fame è cresciuta. Forse è giusto così perché non sono stato creato per avere una dieta “monotematica”, non sono certo come il mio gatto che ormai da anni mangia sempre le stesse bustine e gli stessi croccantini o che conduce sempre la stessa identica vita, giorno dopo giorno.

In quanto uomo, creato a immagine e somiglianza di Dio, sono molto diverso dal mio gatto: posso mangiare tantissimi cibi diversi, ho il desiderio di sperimentare cose diverse: in tutte, cerco la piena soddisfazione, in tutte cerco la vita.

Riconosco però che ci sono cibi che non mi nutrono, che danno una qualche soddisfazione lì per lì ma che, in fondo, non alimentano la mia vita ma sostengono forse la parte più brutta di me, e mi danno la morte. Non la morte fisica, naturalmente, ma la frustrazione del mio desiderio, che è come una piccola morte.

E la cosa che più mi stupisce, quando ci rifletto a mente fredda, è che sono frutti di alberi che non sono stati piantati al centro del mio giardino. No, sono alberi che mi vado a cercare, talvolta anche con grande dispendio di tempo e di energia, distogliendo lo sguardo da ciò che è proprio sotto i miei occhi.

A ben poco serve il ricordo di aver mangiato in passato cibi che non nutrono, perché puntualmente trovo in giro “un albero della conoscenza del bene e del male” che torna ad essere “buono da mangiare, gradevole ai miei occhi e desiderabile per acquistare saggezza”: prendo del suo frutto e ne mangio.

C’è questo limite tra le cose che posso mangiare e le cose che non devo mangiare perché mangiandone, certamente, morirei. E’ un limite che spesso mi fa soffrire, che vorrei aggirare, perché in fondo mi piacerebbe proprio tanto vedere tutto, sapere tutto, fare tutto, gustare tutto.

Eppure questo limite, in fondo è ciò che mi ricorda chi sono, mi definisce.

Sono nato a Roma e non a New York, forse non potrò mai sperimentare il famoso “sogno americano” ma ho a portata di mano la cultura e la ricchezza della città più bella al mondo.
Sono sempre stato una persona timida e riflessiva, forse non potrò mai essere spigliato e socievole.
Sono sempre stato un bravo studente ma non sono mai stato un genio, ho raggiunto buoni risultati ma forse non scoprirò la cura del cancro o inventerò un vaccino che salva il mondo.
Sono un buon lavoratore ma non sono capace di vivere per il mio lavoro, potrò fare carriera ma forse non diventerò mai molto ricco o presidente del mio Istituto.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni