Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconStorie
line break icon

Il sacerdote che dà fastidio a sindaci e narcos

DR

Alfa y Omega - pubblicato il 07/10/17

“Ci hanno chiesto il contatto dei nostri familiari perché pagassero un riscatto. Mia madre ha detto loro che era vedova e che aveva altri tre figli, e non sapeva da dove tirar fuori il denaro. Per via del dolore che le ha provocato il fatto di non potermi aiutare ha avuto un infarto”. Il padre di Juan, il compagno di María, ha detto che non avrebbe potuto raccogliere più di mille dollari. “Visto che era poco mi hanno venduto come prostituta, e ogni notte vari uomini mi violentavano davanti a Juan. Non ricordo i loro volti, solo gli occhi spietati. Per loro non ero altro che un corpo”.

La prima legge per le donne centroamericane che attraversano il Messico per raggiungere il sogno americano è “sopravvivere agli abusi sessuali”. Rispettano questa legge sette donne migranti su dieci che hanno sopportato violenze per mesi “da parte delle autorità, dei narcotrafficanti e anche dei compagni di viaggio”.

Prima di partire si iniettano il Depo-Provera, un anticoncezionale di un unico ormone che dura 90 giorni e ha un margine di errore del 3%. È chiamata comunemente “iniezione anti-Messico” e si vende in Honduras, Guatemala o El Salvador in modo libero per tre euro.

Ana María se l’è iniettata, ma aveva anche dei preservativi “per evitare le malattie”. Quello che non avrebbe mai immaginato è che i suoi nemici principali sarebbero stati i suoi compagni migranti, che hanno abusato di lei a colpi di machete. “Nonostante questo voglio proseguire la mia marcia verso gli Stati Uniti. Ormai sono rovinata, ma se arrivo al nord e mando il denaro a casa almeno le mie sorelle potranno studiare e avere una vita dignitosa. Non si vedranno costrette a partire”.

Lo ha raccontato quasi come un automa, seduta di fronte a Lucia Capuzzi, la giornalista del quotidiano Avvenire che dopo aver conosciuto padre Solalinde ha scritto un libro che Mensajero ha appena pubblicato in Spagna col titolo Una vida en riesgo (Una vita a rischio). “Gli hanno cambiato il nome. L’altro non mi piaceva”, ha riconosciuto padre Solalinde parlando con Alfa y Omega nella sede di Madrid di Amnesty International. Il titolo in italiano recitava “I narcos mi vogliono morto”, ma lui non vuole darsi importanza. I veri eroi della storia sono i migranti.

Un altro affare per i narcos

In Messico ogni giorno scompaiono 54 persone. Questa è la cifra ufficiale, ma il loro numero è infinitamente superiore. “Tutto il Paese è una fossa, ma nessuno parla”, afferma padre Solalinde. I migranti sono un affare per i criminali dei cartelli della droga. Non hanno nome. Nessuno sentirà la loro mancanza.

Il modus operandi per catturare i migranti consiste nell’aspettare che La Bestia, il treno merci che attraversa il Messico, sia pieno di illegali. I narcos fermano il macchinista minacciandolo con una pistola con una frase comune: “Plata o plomo”.

Il conducente in genere sceglie di non morire e di prendersi un po’ di soldi. I migranti vengono portati in fattorie isolate e lì avviene la selezione: “Gli anziani, inutili, vengono assassinati”, gli altri restano come ostaggi sotto la vigilanza di sadici che li torturano e chiedono alle famiglie fino a 7.000 dollari.

La tragedia è che quel denaro, che in genere getta le famiglie nella rovina e con le fa indebitare per tutta la vita, non porta alla liberazione dell’ostaggio, ma alla sua cessione a un’altra banda. “Sono obbligati a prostituirsi, ad affrontarsi a colpi di arma da fuoco con bande rivali o destinati al mercato dei trapianti. I trafficanti di organi arrivano a pagare per un rene o un fegato 150.000 dollari”, ha spiegato il sacerdote. Nelle discariche urbane appaiono spesso, infatti, corpi senza occhi o senza polmoni. Solo nella regione di Coahuila nel 2016 sono stati scoperti circa 4.500 resti umani.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
messicomigrantimigrazioneomicidisacerdote

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni