Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
Aleteia logo
home iconStorie
line break icon

Il sacerdote che dà fastidio a sindaci e narcos

DR

Alfa y Omega - pubblicato il 07/10/17

Alejandro Solalinde e la difesa dei migranti in Messico

di Cristina Sánchez Aguilar

Il messicano Alejandro Solalinde era “un sacerdote borghese”, come si definisce egli stesso. In gioventù membro dell’organizzazione El Yunque, voleva diventare gesuita ma i superiori lo dissuasero perché era “troppo progressista”. Grazie ai Carmelitani ha capito che El Yunque era “un’organizzazione estremista” e ne ha preso le distanze. Ma “mi piaceva mangiare bene, amavo i bei vestiti…”




Leggi anche:
Cosa dice la Chiesa sulla società segreta El Yunque?

Ha impiegato molto tempo per trovare il suo posto nel mondo, “con i migranti”. A 60 anni ha lasciato tutto per fondare a Ixtepec l’ostello Hermanos en el camino (Fratelli nel cammino), a 30 metri dalla ferrovia chiamata La Bestia. “Ora l’unico obiettivo importante per me è la croce greca che porto al collo”.

Nominato per il Premio Nobel della Pace, hanno cercato di ucciderlo in varie occasioni. Una notte un sicario gli ha puntato un’arma alla testa, ma un ordine inaspettato ha fatto sì che non lo assassinasse. Un’altra notte sono entrati nell’ostello il sindaco di Ixtepec e il suo seguito, armati di bidoni di benzina e disposti a dar fuoco a tutto. “Mi sono messo con le braccia incrociate davanti a loro e ho chiesto che mi bruciassero. Lo Spirito Santo mi ha parlato chiaro: è stato Lui, è stata la fede a darmi la forza di resistere”.

Quello che gli fa più male non sono le minacce delle autorità, ma l’incomprensione di molti fratelli sacerdoti e vescovi. “Do fastidio perché parlo. Si può rimanere in silenzio quando in questo Paese vengono assassinate sette donne al giorno? Qui nessuno leva la propria voce”.

Il sacerdote ricorda con nostalgia il documento di Aparecida. “È fantastico”, ha confessato, ma al massimo “qualche vescovo ha tirato fuori un quadernetto per la pastorale. Non è stato messo in pratica”. Un presule di una piccola diocesi gli ha detto: “Non credere che non capiamo ciò che ci chiedi, ma cambiare costa fatica”. Il sacerdote sottolinea però che “quando si capisce bene il messaggio di Cristo si può”.

Il dramma dei migranti

María sapeva che l’avrebbero violentata, e non una o due volte. “Nonostante questo ho preso la via verso nord, perché non volevo che i miei figli diventassero soldati delle maras [gangs di alcuni Paesi latinoamericani, n.d.t.]”. Viaggiava con il compagno e i due figli, di 10 e 8 anni. A un certo punto sono stati intercettati da una banda e trasferiti in una “casa di sicurezza”, nome con il quale sono noti i covi in cui i narcotrafficanti nascondono centinaia di migranti che sequestrano ogni giorno.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
messicomigrantimigrazioneomicidisacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
6
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
7
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni