Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 12 Giugno |
Cuore Immacolato
home iconApprofondimenti
line break icon

Come è nata l’ideologia gender? Quali le sue origini?

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 05/10/17

LA TEORIA DI BUTLER

La principale ideologa della teoria gender è Judith Butler, nata nel 1956. Cresciuta in una famiglia di accademici ebrei di origini russo-ungheresi, ottenne nel 1984 un dottorato dall’università di Yale per una dissertazione sul concetto di desiderio in Hegel. È docente di retorica all’università di Berkley e dal 2006 presiede la cattedra di filosofia «Hannah Arendt» alla European Graduate School in Svizzera.

Judith Butler è lesbica. Evidentemente sente la bipolarità sessuale come una prigione, una limitazione della libertà, come una discriminazione imposta dalla natura.

DISAGIO SESSUALE

Il suo libro Gender Trouble. Feminism and the Subversion of Identity, uscito nel 1990, è il caposaldo dell’ideologia gender. La Butler si sente a disagio con l’ordine sessuale e vuole creare problemi, come è scritto nella sua prefazione al libro, ponendo la questione in questi termini:

«Qual è il modo migliore di mettere seriamente in questione le categorie di genere che sostengono le gerarchie di genere e l’eterosessualità obbligatoria? […] Il compito di questa analisi è di concentrarsi su – e decentrare – tali istituzioni definitorie: il fallogocentrismo e l’eterosessualità obbligatoria […] e di deregolamentare efficacemente codici sessuali rigidi e gerarchici»




Leggi anche:
L’attacco del subdolo virus del gender alla famiglia

“CONFUSIONE SOVVERSIVA”

Per sovvertire l’ordine sessuale, la filosofa post-strutturalista ha sviluppato una complicata teoria, confezionata in un linguaggio filosofico artificiale, con l’obiettivo di scuotere le fondamenta dell’ordine umano attraverso la «confusione sovversiva» e «la moltiplicazione delle possibilità di genere».

Dice Judith Butler:

«Il “sesso” è un costrutto ideale che viene materializzato a forza nel tempo. Non si tratta di un semplice elemento o di una condizione statica del corpo, ma di un processo per mezzo del quale il “sesso” si materializza attraverso la ripetizione forzata di norme regolative»

LE ORIGINI DEL SESSO

In parole povere: non esistono affatto gli «uomini» e le «donne». Il sesso è una fantasia, qualcosa a cui crediamo solo perché ci è stato ripetuto molto spesso. Il genere non è associato al sesso biologico, che non riveste assolutamente alcuna importanza; il genere emerge perché viene generato attraverso il linguaggio e perché le persone credono a ciò che viene loro ripetuto in modo costante.

BAMBINI “PROGETTATI”

Secondo la Butler l’identità è liberamente fluttuante e flessibile; non esiste un essere maschile o femminile, solo una determinata performance, cioè un comportamento che può essere modificato in qualsiasi momento.

Secondo la Butler, le famiglie non si costituiscono solo con il matrimonio e attraverso la discendenza, ma anche per mezzo di atti arbitrari di appartenenza momentanea. Nell’universo parallelo butleriano, i bambini non vengono concepiti ma «progettati» e prodotti con l’aiuto di tutte le possibilità tecniche disponibili, quali la donazione di sperma e di ovuli, la maternità surrogata, gli uteri artificiali e la manipolazione genetica.




Leggi anche:
Psicologi diffidenti verso l’ideologia gender sotto attacco?

TEORIA QUEER

Judith Butler è considerata la più importante ideologa della teoria queer. Così come il termine gender, anche il termine queer è stato sottoposto a modifiche semantiche.

Il termine queer servirebbe ad affrancare dall’eterosessualità obbligatoria tutti quei concetti che, anche nella sua negazione, ancora la presuppongono come ad esempio lesbica, omosessuale, transessuale.

Queer è semplicemente tutto ciò che non è straight (cioè eterosessuale). La polarità etero-omo deve essere soppressa per far posto a una totale dissoluzione dell’identità sessuale, perché solo allora «l’egemonia dell’eterosessualità obbligatoria» sarà completamente sconfitta e le persone saranno totalmente libere di autoinventarsi.

  • 1
  • 2
Tags:
ideologia gender
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Histórias com Valor
Bambino uscito dal coma: ho visto la mia sorellina abortita
4
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni