Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconFor Her
line break icon

Caldo e disidratazione: come evitarla e quando preoccuparsi

Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 22/08/17

Riconoscere e prevenire la disidratazione è facile… tipo bere un bicchiere d’acqua!

Ospedale Bambin Gesù

Riconoscere e prevenire la disidratazione è facile… come bere un bicchiere d’acqua! Il corpo normalmente disperde il calore attraverso la sudorazione, quando la temperatura dell’ambiente è più elevata di quella della pelle: è l’unico meccanismo di raffreddamento a sua disposizione.

Condizioni di caldo estremo, ridotta ventilazione o affollamento possono quindi favorire la disidratazione. I bambini, specialmente i più piccoli, sono particolarmente a rischio per il loro rapido metabolismo e per la particolare distribuzione dei liquidi corporei.

La disidratazione può essere lieve, moderata o grave, a seconda della quantità di liquidi persi, cui si accompagna perdita di sali. La diagnosi è clinica: per sospettarla e definirne l’entità bisognerà osservare i possibili segni e sintomi.




Leggi anche:
Quando fare a meno del biberon?

Come difendersi dal caldo nei mesi più a rischio?

Evitare l’esposizione diretta al sole e limitare l’attività fisica fisica nelle ore più calde della giornata, utilizzare abiti leggeri, refrigerare e areare le abitazioni tenendo chiuse le finestre esposte al sole o utilizzando tende, garantire un giusto apporto di acqua durante la giornata, bevanda ideale per una corretta idratazione, evitando quelle zuccherate e gasate il cui effetto dissetante dura solo pochi minuti.

Qualora nonostante tali accorgimenti il bambino vada incontro a disidratazione va condotto presso il pronto soccorso dove un semplice prelievo permetterà di valutare le perdite e la concentrazione degli elettroliti nel sangue con le quali si deciderà per la reidratazione migliore. Da preferire sempre quella con soluzioni reidratanti fredde per bocca, a piccoli sorsi riservando la correzione per via endovenosa solo ai casi più gravi che richiedono l’ospedalizzazione.




Leggi anche:
5 cose da sapere su bambini e sole

Tags:
bambinisalute
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni