Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
San Charbel
home iconFor Her
line break icon

Caldo e disidratazione: come evitarla e quando preoccuparsi

Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 22/08/17

Riconoscere e prevenire la disidratazione è facile… tipo bere un bicchiere d’acqua!

Ospedale Bambin Gesù

Riconoscere e prevenire la disidratazione è facile… come bere un bicchiere d’acqua! Il corpo normalmente disperde il calore attraverso la sudorazione, quando la temperatura dell’ambiente è più elevata di quella della pelle: è l’unico meccanismo di raffreddamento a sua disposizione.

Condizioni di caldo estremo, ridotta ventilazione o affollamento possono quindi favorire la disidratazione. I bambini, specialmente i più piccoli, sono particolarmente a rischio per il loro rapido metabolismo e per la particolare distribuzione dei liquidi corporei.

La disidratazione può essere lieve, moderata o grave, a seconda della quantità di liquidi persi, cui si accompagna perdita di sali. La diagnosi è clinica: per sospettarla e definirne l’entità bisognerà osservare i possibili segni e sintomi.




Leggi anche:
Quando fare a meno del biberon?

Come difendersi dal caldo nei mesi più a rischio?

Evitare l’esposizione diretta al sole e limitare l’attività fisica fisica nelle ore più calde della giornata, utilizzare abiti leggeri, refrigerare e areare le abitazioni tenendo chiuse le finestre esposte al sole o utilizzando tende, garantire un giusto apporto di acqua durante la giornata, bevanda ideale per una corretta idratazione, evitando quelle zuccherate e gasate il cui effetto dissetante dura solo pochi minuti.

Qualora nonostante tali accorgimenti il bambino vada incontro a disidratazione va condotto presso il pronto soccorso dove un semplice prelievo permetterà di valutare le perdite e la concentrazione degli elettroliti nel sangue con le quali si deciderà per la reidratazione migliore. Da preferire sempre quella con soluzioni reidratanti fredde per bocca, a piccoli sorsi riservando la correzione per via endovenosa solo ai casi più gravi che richiedono l’ospedalizzazione.




Leggi anche:
5 cose da sapere su bambini e sole

Tags:
bambinisalute
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
3
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
4
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
7
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni