Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconChiesa
line break icon

Si salvò dalla dittatura grazie a Bergoglio, oggi lo incontra da Papa

Luis Somoza / Facebook

Lucandrea Massaro - Aleteia Italia - pubblicato il 06/07/17

Alfredo Luis Somoza racconta il suo incontro, lo scorso 30 giugno, con "Padre Bergoglio"

Il giornalista e presidente dell’Istituto di Cooperazione Economica Internazionale (Icei), Alfredo Luis Somoza da giovane studente perseguitato dalla dittatura argentina del generale Jorge Rafael Videla, riuscì a fuggire, e a riparare in Italia, grazie all’aiuto di Jorge Mario Bergoglio, all’epoca provinciale dei gesuiti argentini. Somoza racconta che quello in Vaticano è stato un’incontro fugace, sguardi che si riconoscevano dopo tanti anni e che tornavano indietro ai tempi bui. Ma ha anche spiegato che: «Francesco con il suo grande sorriso ha trovato la battuta giusta, e devo dire molto argentina, salutandomi con un: “Chi avrebbe mai detto che ci saremmo ritrovati qui?”»

Su La Stampa una intervista a Somoza, che in questi 38 anni è divenuto cittadino italiano grazie al fatto che sua madre aveva origini italiane, garantendo così dopo lo status di rifugiato politico, la sua permanenza in Italia.

Dopo 38 anni cosa vi siete detti quando, venerdì scorso 30 giugno, vi siete incontrati di nuovo?

«Quando era stato scelto come Pontefice, era in uscita un mio libro,

“Oltre la crisi”, che riuscii a fermare in tipografia per aggiungere un ultimo capitolo, “Il primo Papa dell’era Brics”, dedicato al nuovo Pontefice. Lo inviai a Papa Francesco che mi ricambiò con una bella lettera di benedizione. Finalmente venerdì scorso ho avuto l’opportunità di poterlo ringraziare di persona durante l’udienza per i 50 anni dell’Istituto per i rapporti tra Italia e America Latina. È stato un’incontro fugace, sguardi che si riconoscevano dopo tanti anni e che tornavano indietro ai tempi bui. Ma Francesco con il suo grande sorriso ha trovato la battuta giusta, e devo dire molto argentina, salutandomi con un: “Chi avrebbe mai detto che ci saremmo ritrovati qui?”».




Leggi anche:
Somoza: “Papa Francesco mi aiutò a sfuggire alla dittatura”

Come valuta il ruolo che sta avendo la Chiesa argentina adesso che su quell’epoca si è aperto un nuovo capitolo, in particolare con la decisione, condivisa da Conferenza episcopale argentina e Santa Sede, di rendere accessibili alle vittime e ai familiari diretti dei desaparecidos i relativi documenti presenti negli archivi ecclesiali?

«Credo che finalmente sia stato fatto un atto dovuto. Non basta il

mea culpa che Francesco, da arcivescovo di Buenos Aires, fece fare alla Conferenza episcopale, ci vogliono anche atti concreti che possano aiutare a chiarire una verità scomoda, ma dovuta ai parenti delle vittime della dittatura. Per molte questioni latinoamericane, come il perdono ai ministri-sacerdoti del Nicaragua, la beatificazione di monsignor Romero e altre, Francesco è stato un grande “riparatore” di errori commessi in passato e che avevano avuto come conseguenza l’allontanamento della Chiesa di tanti fedeli. La Chiesa di Francesco è in linea con il Concilio Vaticano II, l’unica via per tornare “popolare”».




Leggi anche:
Padre Bergoglio mi ha salvato la vita durante la dittatura argentina

Tags:
dittatura argentinapapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni