Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Febbraio |
Beato Pio IX
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Raccomandazioni per imparare a condividere il potere in casa tra marito e moglie

untitled-design-4

Ljupco Smokovski

Sempre Família - pubblicato il 05/07/17

Saper condividere il potere nella famiglia è la chiave per mettere il benessere di tutti al centro del rapporto e garantire l'armonia

Le discussioni sul potere all’interno della coppia possono portare a scontri superflui. In passato il ruolo degli sposi era ben definito: i mariti erano coloro che pensavano a portare a casa il pane, i “capi della famiglia”, e le donne si occupavano della cura della casa e della crescita dei figli. Non ci si intrometteva l’uno nel terreno dell’altro. Ma le cose stanno cambiando.

Ora entrambi i coniugi lavorano spesso fuori, condividono compiti e devono imparare a ripartire le responsabilità, il che può provocare una certa confusione al momento di stabilire chi ha l’autorità in famiglia. L’opzione migliore per garantire il benessere di tutta la famiglia è condividere il potere tra i coniugi. Ma come farlo? Ecco alcune raccomandazioni per garantire il successo di questo processo.

Niente autoritarismo

Quando è solo uno degli sposi a comandare, a prendere decisioni senza consultare l’altro o chiedere opinioni o consigli, determinando cosa si fa e come senza tener conto dei desideri, delle necessità e dei sentimenti degli altri membri della famiglia, la casa si trasforma in un ambiente teso, freddo e pieno di timore.




Leggi anche:
Le 6 differenze tra il cervello di un uomo e quello di una donna

In una famiglia sana deve esistere un rapporto di complementarietà, in cui il processo decisionale è consensuale e gli accordi sono comuni, di modo che si sceglie sempre ciò che conviene di più a tutti.

Quando c’è un abuso di potere, qualunque sia il contesto, esiste un rapporto di subordinazione, il che non è auspicabile. Nel matrimonio, come in altre situazioni, quello che deve prevalere è il lavoro di gruppo. Marito e moglie hanno il dovere – e anche il diritto e la capacità – di dirigere la casa ed educare i figli. La comunicazione dev’essere profonda e il potere distribuito tra entrambi. In caso contrario, i conflitti non tarderanno a comparire.

Ripartire il potere

Il potere e l’autorità non sono negativi. Ci sono problemi solo quando il potere non si condivide, quando tutta l’autorità è concentrata in uno solo dei coniugi e non c’è consenso ma imposizione. Ci sono conflitti anche quando gli sposi vogliono avere autorità su una stessa cosa.

L’ideale è sempre negoziare, dibattere e argomentare in un contesto di rispetto e apertura, ascoltando l’altro e poi valutando i pro e i contro di ogni atteggiamento, per giungere a una decisione congiunta.


AMORE MATRIMONIO SANTITA

Leggi anche:
16 consigli affinché il vostro matrimonio sia un cammino di santità

La divisione del potere dev’essere guidata da una questione non di sesso, ma di capacità. Ogni coniuge ha abilità specifiche – che forse l’altro non ha. Quello che si cerca è la complementarietà, che è la base per una convivenza armoniosa. Ciascuno deve riconoscere i propri limiti, e quando è il caso lasciare all’altro la responsabilità di affrontare certe questioni. Molte coppie, ad esempio, si rendono conto che sono le donne a rapportarsi meglio con le finanze familiari, mentre in passato questo compito era tradizionalmente attribuito agli uomini.

Difficile non è impossibile

Sarebbe ingannevole dire che ripartire il potere sia un compito facile. Bisogna avere molta umiltà e mettere da parte la competizione, tanto comune nel mondo attuale. La negoziazione è l’unico modo per impedire gli abusi di potere, e per questo il dialogo è la strategia mgliore.




Leggi anche:
Come custodirsi l’un l’altro nella vita di coppia e di famiglia?

Come ricorda il professore di Psicopatologia Aquilino Polaino-Lorente, dell’Università Complutense di Madrid, in un articolo pubblicato sul sito arvo.net, “uomo e donna sono diversi e tuttavia uguali. Il senso di queste differenze si trova proprio nella complementarietà e non nella competitività. Per questo devono cercare la somma e la moltiplicazione, non la diminuzione e la divisione”. È necessario, aggiunge, “conoscere meglio se stessi e l’altro, di modo che la distribuzione di funzioni e ruoli avvenga in base alle capacità”.

Obiettivo

È normale che una volta iniziata una discussione, visto che siamo esseri umani, affiori il nostro ego. Portiamo le discussioni fino alle ultime conseguenze. Questo atteggiamento ci rende ciechi e fa sì che perdiamo la direzione.

Quando questo accade, bisogna ricordare cosa si cerca e perché. Quando la risposta è il benessere familiare, potremo sicuramente mettere il bene collettivo al di sopra di quello individuale.




Leggi anche:
La sensibilità è solo donna?

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
famigliamatrimoniosposi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.