Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il poliziotto angelo che salva dalla strada una mamma incinta e la sua piccola

Condividi

Una donna e la sua bimba, negli Usa, si ritrovano senzatetto dopo essere fuggite da un compagno violento. E un giorno le accade un “miracolo”…

Jessica e sua figlia, la piccola Kayla di due anni, sono due senzatetto. Sono in fuga da un compagno e padre violento che le maltratta. Vivono per strada a Little Rock, in Arkansas. Poi un giorno accade che un poliziotto angelo le avvista a bordo della carreggiata. E le cambia la vita. Come nei film.

A raccontare la storia è il giornale Usa Today (30 giugno). Il protagonista è l’agente di polizia Tommy Norman, già molto popolare su facebook per i suoi gesti di umanità.

L’ABBRACCIO DI MAMMA JESSICA

Norman stava guidando quando sul lato della strada ha notato una donna che dormiva sul marciapiede con una bambina sul petto. La donna era incinta, stava sdraiata sulla schiena e la sua bambina, per non toccare terra, le stava abbracciata sopra.

IL LUOGO PIU’ SICURO

A quel punto il poliziotto si è avvicinato. E parlando con Jessica si è reso conto che mamma incinta e figlia erano due senzatetto che dormivano in strada. La donna aveva scelto di dormire sul marciapiede perché pensava fosse il posto più sicuro per lei e la bambina dopo la fuga dal compagno violento. Non avendo una casa e avendo esaurito il tempo massimo di permanenza in un centro di accoglienza per donne, la strada è stata l’unica soluzione (universomamma.it, 4 luglio).

UNA STANZA DOVE DORMIRE

Jessica aveva la gravidanza in stato avanzato. Poteva partorire da un momento all’altro. Per lei era assolutamente pericoloso dormire in strada in quelle condizioni. Norman non ci ha pensato due volte ad aiutare mamma e figlia. Il poliziotto le ha subito accompagnate in un vicino motel, pagando una stanza per loro. Jessica e Kayla hanno avuto finalmente un letto per dormire.

SOLIDARIETA’ SU FACEBOOK

Allo stesso tempo ha avviato una gara di solidarietà on line. Tommy ha ripreso la scena con il suo cellulare per poi postarla sulle sue pagine social e chiedere aiuto per mamma e figlia. Il post è diventato subito virale e sono arrivati aiuti da tutti gli Stati Uniti e perfino dall’estero.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni