Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
home iconSpiritualità
line break icon

Perché non posso tornare ad essere atea

Shutterstock

Melinda Selmys - pubblicato il 27/06/17

A volte il mio scetticismo naturale si impone, ma non riesco a fare marcia indietro

Mio suocero è una delle persone più giuste, pazienti e virtuose che conosca. È sempre disponibile ad aiutare, la sua capacità di perdono è immensa e quando non è disponibile in genere è perché si sta prendendo cura di altre persone o sta insegnando ai membri della sua comunità. È intellettuale, onesto e un essere umano profondamente degno. È anche ateo.

Mio suocero è in parte il motivo per il quale ho rispetto per le persone atee e per cui quando scrivo sull’ateismo in genere ho cose positive da dire. Non penso che sia vero che tutti gli atei sono guidati da egoismo, orgoglio o immoralità. Alcune persone sono atee perché sono state scandalizzate a livello intellettuale o morale da una catechesi povera o dal comportamento sbagliato di chi rappresenta il Vangelo. Altre possono essere come quei lavoratori che stanno fuori al mercato e non sono ancora stati chiamati a lavorare nei campi. La conversione, dopo tutto, è una grazia che ci arriva in base al programma stabilito da Dio.

Ho scoperto tuttavia che quando parlo bene della comunità atea la gente crede spesso che io ne faccia parte, o che ci manchi poco perché mi ci unisca. Ovviamente non posso garantire che non perderò mai la mia fede (nessuno può farlo), ma non sono decisamente un’atea.

Sono scettica, e ne so abbastanza per sapere che lo scetticismo è un tratto della personalità profondamente radicato che non svanirà. Non sono mai stata capace di quel tipo di fede comoda e stabile. Metto costantemente in discussione qualsiasi cosa e cerco sempre risposte migliori – per poter rispondere meglio non solo ai dubbi altrui, ma anche ai miei. Ho un enorme rispetto per chi è capace di nutrire una fiducia semplice e da bambino in Dio e nella Chiesa. Ma io non sono quel tipo di bambino. Per me essere come un bambino vuol dire essere come quel piccolo di tre anni che ha sempre mille perché.


ATEISMO FEDE CONFORTANTE

Leggi anche:
Il conforto dell’ateismo e la consolazione della fede

  • 1
  • 2
Tags:
ateismodiofiducia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni