Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Idee per combattere la mancanza di autostima

Carlos Sánchez Pimienta-CC
Condividi

Suggerimenti per trasformarla in abbondanza d’amore personale

Una necessità di ogni essere umano, credente o meno, è quella di sentirsi amato e valorizzato, ed è nella misura in cui ci sappiamo apprezzati e accettati da chi ci circonda che avremo la capacità di amare e accettare gli altri, ovvero la nostra valorizzazione – la famosa autostima – dipenderà dal fatto che abbiamo la capacità di amare e valorizzare gli altri. La vera autostima nasce dall’amore, e non dall’egoismo.

Ma cos’è l’autostima? È una cosa meravigliosa e fondamentale pur trattandosi di un termine molto frainteso, soprattutto da tanti movimenti edonisti ed egocentrici che propongono un’autostima basata sull’egoismo e non sull’amore.

L’autostima è una necessità; è l’idea o il concetto che la persona ha di se stessa,e quel concetto sarà quello che proietterà al mondo. L’autostima è formata da tutti i pensieri, le opinioni e i sentimenti – anche se volatili – che la persona ha su se stessa. Accettarci come siamo è la base per crescere in una sana autostima, che spesso si indebolisce perché cerchiamo sempre di avere qualcosa in più, qualcosa di diverso, e smettiamo di godere di quello che siamo in questo momento.

È molto importante lavorare per avere un elevato concetto di noi stessi, riconoscere la nostra dignità e il nostro valore come persone, renderci conto che siamo esseri irripetibili, esclusivi.

Leggi anche: 5 modi per migliorare la propria autostima

Se può essere utile, paragonatevi a un fiore, perché è quello che siete, un fiore in questo immenso paradiso chiamato universo, unico. Rendetevi conto delle migliaia di varietà di fiori esistenti, nessuno dei quali è brutto. Forse non ci piaceranno tutti, ma ciascuno ha caratteristiche uniche che lo distingue dagli altri.

La scarsa autostima in genere nasce nell’infanzia e deriva, tra le altre cose, dal non sentirsi amati per quello che siamo, ovvero dal non sentirsi accettati, apprezzati e valorizzati. Da questo non sentirsi amati deriva la mancanza di fiducia in noi stessi, fondamentale perché in età adulta sappiamo relazionarci in modo sano con gli altri.

Per crescere nell’autostima è fondamentale crescere nell’amore, iniziando dall’amor proprio, personale. E con questo non mi riferisco al fatto di diventare persone egocentriche o egoiste, ma al riconoscere, valorizzare e apprezzare il nostro valore e la nostra dignità come persone.

Bisogna riconoscere quello che possediamo anziché lamentarsi di ciò che ci manca. Inizieremo a lasciarci alle spalle la scarsa autostima quando riconosceremo quanto siamo pieni di benedizioni, ringraziando per tutto ciò che siamo e smettendo di soffrire per quello che avremmo voluto essere.

Questi sono solo alcuni suggerimenti per trasformare la mancanza di autostima in abbondanza d’amore personale:
1. Il primo passo, e il più importante, è amarsi e accettarsi come si è. Se siamo credenti ci risulterà più semplice, perché sappiamo che c’è un Dio che ci ama e ci accetta come siamo e che è sempre pronto ad aiutarci a migliorare e ad approfittare dei margini di opportunità che abbiamo.

Leggi anche: Non permettere alla Quaresima di rovinare la tua autostima


2. Curiamo i pensieri, soprattutto quelli su noi stessi. Prendiamone coscienza, e se sono negativi cambiamoli. Siamo noi ad essere padroni dei nostri pensieri, non il contrario. È estremamente importante, perché i pensieri generano pensieri. Soprattutto, facciamo attenzione a quelli che ci fanno sentire inferiori. Evitiamo frasi del tipo: “Non faccio bene niente”, “Sono inutile”…
3. Guardiamoci allo specchio e ringraziamo per il fatto di essere la persona che siamo. Anziché trovarci dei difetti, ringraziamo per le cose belle che vediamo in noi. È particolarmente importante per le donne. Anziché guardare la pancetta o le smagliature, ringraziamo per il fatto di essere diventate madri.
4. Siate misericordiosi con voi stessi e smettete di criticarvi. L’autocritica negativa distrugge! Parlatevi e trattatevi come parlereste e trattereste la persona che amate di più nella vita. Trasformate i vostri pensieri interiori negativi in dialoghi costruttivi.
5. Fate esercizio, liberate endorfine! L’esercizio vi farà sentire bene, anche se vi stancate. Direte addio allo stress, sarete in forma migliore e rafforzerete il vostro sistema immunitario.
6. Accettate le lodi e non affrettatevi a ricambiarle, ma restate in silenzio. Dite semplicemente “Grazie, apprezzo davvero le tue parole!” All’inizio vi costerà e vorrete restituire le lodi, ma fate un lavoro interiore e ricordate che se la gente vi loda è perché vi apprezza davvero.
7. Non sforzatevi tanto di essere perfetti, quanto di realizzare i vostri sogni. Nell’affanno di raggiungere la perfezione potreste smettere di godervi il cammino che vi porta a raggiungere le vostre mete.
8. Siate pazienti con voi stessi. Non prendete troppo sul serio i vostri errori e fallimenti; guardateli piuttosto come una possibilità per crescere e imparare.

Leggi anche: L’autostima degli uomini, un tema che Chesterton prese molto sul serio


9. Riconoscete le qualità e i talenti che avete e metteteli al servizio di tutti. Tutti siamo bravi in qualcosa, e allora scoprite cosa sapete fare e sfruttatelo! Niente al mondo è insignificante.
10. Uscite da voi stessi per entrare negli altri, ovvero servite, aiutate qualcuno. Se aiutate qualcuno, siete voi a beneficiarne, perché vi renderete conto della differenza che potete fare negli altri; l’opinione che avete su di voi migliorerà sentendovi utili.

L’accettazione, che è strettamente collegata all’autostima, include anche il fatto di riconoscere e ammettere che ci sono zone di opportunità in cui crescere e su cui lavorare per migliorare per il nostro bene e per quello di tutti. Ricordate che siete molto preziosi e siete stati creati da Dio per amore e per amare. Non aspettatevi che qualcun altro riconosca il vostro valore. Iniziate a valorizzarvi voi stessi, e vedrete i miracoli che inizieranno a verificarsi nella vostra vita.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni