Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 01 Marzo |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

8 lezioni di vita per le donne dalla madre “del tutto normale” del “piccolo fiore”

fotoforher

Studio Firma | Stocksy United

Chaunie Brusie - For Her - pubblicato il 16/01/17

Se Santa Teresa è uscita fuori così bene, di cosa dovremmo preoccuparci tanto?

Una delle mie sante preferite è da sempre Santa Teresa di Lisieux, il “piccolo fiore”. L’amo per lo stesso motivo per cui la amano molte altre persone – sembra molto accessibile. Non dovevo fare alcuna pazzia né entrare in convento o pregare 24 ore su 24 7 giorni su 7 per fare la differenza. Tutto quello che dovevo fare era seguire la sua “piccola via”, e potevo essere certa che Dio sapesse che stavo facendo del mio meglio.

Amando tanto Santa Teresa, ho letto molto su di lei nel corso degli anni, dalla sua autobiografia a varie biografie sul suo conto, e sono sempre rimasta affascinata dalla vita che condusse nell’infanzia. La sua famiglia sembrava così normale! Da bambina Santa Teresa era un po’ birichina, amava le cose belle e aveva una madre che lavorava. Crescendo, più leggevo su di lei, più rimanevo affascinata da una delle persone più importanti della sua vita: sua madre.

Noi madri contemporanee non abbiamo un compito facile, e ci aspettiamo molto da noi stesse: l’equilibrio perfetto tra maternità e lavoro, esercizio, coltivare il nostro matrimonio e praticare la nostra fede. La madre di una grande santa come Santa Teresa doveva essere sicuramente molto santa e assolutamente non collegabile in alcun modo a una mera madre “mortale” che lotta per riuscire a far quadrare tutto come me, giusto? Beh, non esattamente. Più leggevo sulla madre di Santa Teresa, Zélie Martin, più capivo che neanche lei riusciva a far tutto.

Ecco alcune lezioni piuttosto sorprendenti che possiamo trarre dalla madre di una delle sante più amate al mondo:

1. Alcune donne sono chiamate a conciliare lavoro e maternità

Potreste pensare che per allevare una santa dobbiate essere una madre casalinga del tutto presente, giusto? Uhm, no. Zélie non solo era una madre che lavorava, ma anche colei che portava il pane a casa. Aveva fondato una prospera attività come realizzatrice di pizzi prima di sposarsi, e dopo il matrimonio e i figli continuò a lavorare fuori casa. Il padre di Santa Teresa, Louis, vendette il suo negozio di orologeria quando i figli erano ancora piccoli e si dedicò ad aiutare Zélie nella sua attività.

LEGGI ANCHE:Così i genitori di santa Teresa di Lisieux hanno guarito due bambini

2. Fare tutto richiede aiuto

Perfino la madre di un santo o due ha bisogno di una mano. Nel suo matrimonio e nella sua carriera, Zélie ebbe molto aiuto esterno, includendo una ragazza di nome Louise che l’aiutava nella pulizia della casa e negli altri lavori domestici. Ricordatelo la prossima volta in cui vi sentirete in colpa per quei vestiti non piegati.

Come proprietaria di un’attività, Zélie dava poi lavoro a una quindicina di persone. I suoi impiegati si rivolgevano a lei per ricevere direzione e guida nella vita sia professionale che personale.

3. Alle mamme è permesso divertirsi

Dio ha creato questo mondo per noi, e allora dobbiamo godercelo. Zélie si prefiggeva di concentrarsi sul divertimento una volta ogni tanto, e si assicurava che lo facessero anche i suoi figli. “Dovremmo forse rinchiuderci in un convento?”, diceva.

4. Anche le madri dei santi hanno bisogno di un minuto per se stesse

Tutti noi abbiamo bisogno di una pausa di tanto in tanto. In una lettera alla sua famiglia, Zélie confessava il suo desiderio del tanto agognato pisolino pomeridiano. “Vorrei tanto riposare. (…) Sento il bisogno di riflettere in tranquillità sulla salvezza, che le complicazioni di questo mondo mi hanno fatto trascurare”. Anche noi, Zélie, anche noi.

5. Sono le piccole cose che ci torturano

Non è strano che riusciamo a far fronte alle cose grandi – come un familiare malato, un aborto o un incidente d’auto – mentre le cose quotidiane, come i litigi tra fratelli, il bagno sporco e il traffico, ci fanno sentire come se stessimo impazzendo? Anche Zélie lo ha provato.

Nessuno è perfetto, e confidare in Dio può non essere facile. È una cosa in cui tutti ci possiamo rivedere – ci inginocchiamo rapidamente a pregare nei momenti di bisogno, ma poi quando la lavapiatti si rompe o i bambini litigano per l’ennesima volta per lo stesso gioco può essere difficile mantenere lo sguardo fisso su Dio. La buona notizia è che anche Zélie capiva questa lotta. “È per le piccole cose che mi preoccupo di più. Quando si verifica un problema vero sono piuttosto rassegnata, e aspetto con fiducia l’aiuto di Dio”.

LEGGI ANCHE:Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato queste 8 cose su di lei

6. Tutte noi abbiamo il nostro percorso come madri

Non c’è un’unica “via” di maternità, o anche per diventare madri. Dal fatto di aver avuto nove figli ad aver partorito Santa Teresa a 41 anni, Zélie di certo non si preoccupava della maternità “convenzionale”, ed è un bene che non l’abbia fatto.

7. Alle madri è permesso di avere i propri interessi

Se vi siete mai sentite in colpa per il fatto di lavorare oltre ad essere madre, questa citazione è per voi. Per me ha cambiato tutto, perché Zélie amava il lavoro che Dio l’aveva chiamata a svolgere, al punto che una volta ha detto riferendosi alla sua attività di realizzatrice di pizzi: “Sono estremamente felice quando sono alla finestra a realizzare il mio Point d’Alençon”.

8. A volte l’allattamento non è una scelta

Molto probabilmente per via del tumore al seno che alla fine le è costato la vita, Zélie non ha potuto allattare i suoi figli più piccoli, dovendoli mandare a vivere con una balia quando erano neonati. Non tutte le madri possono allattare, e va bene.

Considerando queste lezioni della donna che ci ha donato Santa Teresa, possiamo riposare certe nella consapevolezza che stiamo facendo del nostro meglio come donne e come madri. Dopo tutto, se Santa Teresa è uscita fuori così bene, di cosa dovremmo preoccuparci?

_____

Chaunie Brusie è un’ostetrica diventata scrittrice. È autrice di Tiny Blue Lines: Preparing For Your Baby, Reclaiming Your Life, and Moving Forward in an Unplanned Pregnancy e madre di quattro figli. Vive in Michigan (Stati Uniti). Per ulteriori informazioni, tinybluelines.com.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE:Le 3 tattiche di Santa Teresina per vincere la tentazione

Tags:
figlimammematernitàsanta teresa di lisieux
Top 10
See More