Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Gennaio |
San Sebastiano
home iconNews
line break icon

Qual è la prima cosa da fare per cambiare il mondo?

UN Photo-Stuart Price -CC

Salvador Aragonés - pubblicato il 03/11/16

L'Assemblea Mondiale degli intellettuali cattolici di Pax Romana offre risposte all'indifferenza

In un mondo individualizzato e che vive con tanta indifferenza nei confronti di chi soffre, dei malati e dei poveri, non stupisce che papa Francesco parli della “globalizzazione dell’indifferenza”.

Il tema dell’“indifferenza di fronte alla misericordia” è stato trattato nella 39ma Assemblea Mondiale del movimento di intellettuali cattolici Pax Romana, celebrato a Barcellona (Spagna) dal 28 al 31 ottobre. Alla sessione plenaria d’apertura hanno assistito l’arcivescovo di Barcellona, Juan José Omella, e l’arcivescovo di Tarragona, Jaume Pujol, insieme al presidente mondiale di Pax Romana, il peruviano Javier Iguiniz Echevarría, e a rappresentanti di 32 Paesi.

L’arcivescovo di Barcellona ha affermato che per risolvere i problemi del mondo dobbiamo prima convertirci, attraverso la preghiera, perché la nostra conversione personale è condizione indispensabile per cambiare la società.


LEGGI ANCHE: Che cosa deve fare il cristiano per cambiare la società?


Nella società attuale, ha spiegato il presule, “si sono globalizzati l’individualismo, l’isolamento e l’indifferenza che impediscono di vivere la misericordia e la tenerezza. La misericordia non è solo una parola, ma implica uno stile di vita”.

Gli intellettuali, ha aggiunto, “corrono il pericolo di rimanere nel mondo delle idee. Devono mettere i piedi a terra, guardare negli occhi le persone, toccare il malato, il bisognoso, parlargli”. Gesù nella sua vita prima ha dato risposte alla sofferenza e poi ha diffuso le idee.

All’Assemblea Plenaria di Pax Romana ha parlato anche via video il domenicano peruviano fra’ Gustavo Gutiérrez, iniziatore della Teologia della Liberazione, che ha sottolineato “il coraggio e la credibilità” di papa Francesco nei suoi documenti sulla misericordia.

“La giustizia e la misericordia”, ha ricordato, “trovano il proprio culmine nell’amore. Dio è amore, e amiamo perché siamo, perché esistiamo”, e questo amore è gratuito, contrariamente a quello che diceva Freud. La giustizia è ben presente nel Vangelo e nella Bibbia, e culmina nell’amore.

Il gesuita Josep Maria Rambla, missionario della Misericordia, nel suo secondo intervento si è riferito alla “misericordia come azione politica” e ha segnalato che se la virtù della misericordia che ha esercitato e praticato Gesù fosse nel cuore e nella mente dei politici che dirigono la società i Governi, delle organizzazioni internazionali e dei membri del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, tutto il mondo andrebbe in un altro modo, con più pace e più giustizia.

La misericordia deve quindi essere portata nel mondo della politica, ha affermato, ricordando che Nietzsche si burla della misericordia.

La misericordia, ha detto padre Rambla, “è l’anima della solidarietà”, perché è un sentimento profondo nei confronti della sofferenza altrui.


LEGGI ANCHE: Perché la solidarietà è il compito dei cristiani europei


Oggi, ha segnalato, si assiste alla “globalizzazione dell’indifferenza” e si soffre per “l’epidemia dell’indifferenza”. Tutti, ha aggiunto, dobbiamo accostarci al sacramento della riconciliazione e “accusarci della nostra mancanza di misericordia” nei confronti degli altri.

Pax Romana è un movimento ecclesiale di intellettuali cattolici che lavora per il dialogo tra fede e ragione, per difendere la dignità e i diritti umani, con una particolare opzione per i poveri e l’ingiustizia, e per contribuire al progresso dell’ecumenismo in tutte le Chiese e comunità cristiane e allo sviluppo sostenibile in armonia con la natura.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
diritti umanimisericordiamondopace
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
6
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni