Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Infedeltà e matrimonio secondo il mondo… e secondo la fede

Condividi
Il problema con questo video è che ha un approccio riduttivo nei confronti del comportamento umano. Si chiama “psicologismo” – cioè riduzione della realtà umana ai soli aspetti psicologici – come se la libertà umana e il libero arbitrio non avessero nulla a che fare con il comportamento stesso. Non siamo macchine, siamo in grado di ragionare, e abbiamo l’aiuto della grazia sacramentale del matrimonio per non fare sciocchezze. Come nella storia della tigre, dobbiamo scegliere – tra i molteplici modi possibili – come esercitare la libertà.

Ma c’è un malinteso sulla parola “libertà“. Molte volte si ritiene che essa significhi “fare quello che si vuole”. La libertà è solo un “potersi muovere”, ciò che determina se l’atto sia giusto o sbagliato è l’uso di tale libertà. Se io do libertà a mio figlio in modo che “se vuole” può bere alcolici in tenera età, non lo sto rendendo libero. Probabilmente sto generando in lui schiavitù dall’alcol. La libertà ha un senso quando è associata a una motivazione. Il Catechismo della Chiesa dice nel numero 1733:

“Quanto più si fa il bene, tanto più si diventa liberi. Non c’è vera libertà se non al servizio del bene e della giustizia. La scelta della disobbedienza e del male è un abuso della libertà e conduce alla schiavitù del peccato”.

Il video racconta delle verità, ma non dice la verità. Con l’aiuto della grazia, e agendo liberamente, dovremmo sopportare queste “divergenze” sulla intimità in modo da risolverle. L’autore del video sembra dire: “se non ottenete ciò che desiderate nel vostro matrimonio, potete andare a cercare fuori”. Papa Francesco nella sua ultima enciclica spiega:

“In fondo, oggi è facile confondere la genuina libertà con l’idea che ognuno giudica come gli pare, come se al di là degli individui non ci fossero verità, valori, principi che ci orientino, come se tutto fosse uguale e si dovesse permettere qualsiasi cosa. In tale contesto, l’ideale matrimoniale, con un impegno di esclusività e di stabilità, finisce per essere distrutto dalle convenienze contingenti o dai capricci della sensibilità. Si teme la solitudine, si desidera uno spazio di protezione e di fedeltà, ma nello stesso tempo cresce il timore di essere catturati da una relazione che possa rimandare il soddisfacimento delle aspirazioni personali”.


LEGGI ANCHE: La sessualità nel matrimonio cristiano è una cosa meravigliosa


Relazioni basate sulla egoismo, perché si “ha il diritto di essere felice”, spesso finiscono in catastrofe. Le relazioni basate sul dare al nostro coniuge quello di cui lui/lei ha bisogno, vengono portate a compimento. “Vi è più gioia nel dare che nel ricevere” (Atti 20:35). Gli esseri umani sono mutevoli, ci sono momenti in cui abbiamo bisogno di sentire di più la vicinanza e momenti in cui abbiamo bisogno di distanza. In ogni caso, non c’è alcuna garanzia sulla ricetta per la “vicinanza appropriata e la distanza” e anche se fosse possibile rilevarla e individuarla con precisione per ciascun coniuge, ciò non garantirebbe che il matrimonio venga schermato dall’infedeltà. Esiste il peccato originale, che ci fa scegliere il male anche quando vogliamo bene.

In un matrimonio, ciò che funge realmente da scudo contro l’infedeltà è la preghiera condivisa, accostarsi ai sacramenti e riconoscere che i peccatori hanno costantemente bisogno dell’aiuto della grazia per non fare scelte sbagliate. Lì risiede la spiegazione delle parole di Cristo secondo cui “per la durezza del cuore degli ebrei” era stato permesso il divorzio e la poligamia. Ora, con l’aiuto della grazia sacramentale, il matrimonio ha cessato di essere un “contratto naturale” per diventare un mezzo di santificazione, una fonte di grazia.

Per tenere sotto controllo il nostro matrimonio, potremmo chiederci: sono consapevole delle esigenze di intimità di mia moglie? Ciò aiuta la sua santificazione? Preghiamo insieme? Abbiamo intimità con Dio? Ci accostiamo alla confessione e all’eucarestia?

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.