Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
Paolino di Nola
home iconSpiritualità
line break icon

Quella idea sbagliata sulla resurrezione come proiezione estrema dell’illusione moralista

don Fabio Bartoli - La Fontana del Villaggio - pubblicato il 24/05/16

Non temere…

Per più di 350 volte la Bibbia ci ripete l’ammonimento a non temere, segno che la paura è quasi la condizione naturale dell’uomo. Abbiamo paura di tutto: del sole e della pioggia, della malattia e del lavoro, della libertà e della prigionia. Ci agitiamo nell’angoscia di perdere ciò che amiamo: lottiamo, brighiamo, ci arrabattiamo, ma alla fine perderemo sempre, come constata con amarezza il libro del Qoeleth: a che serve essere giusti e saggi se lo stesso destino di morte attende il disonesto e il giusto? Per quanto si paghi il riscatto di una vita non potrà mai bastare per evitarne la fine, siamo prigionieri della morte e dobbiamo pagarle il terribile tributo della paura.

Ma più di tutto è di Dio che abbiamo paura. Quasi ogni volta che Dio si manifesta a qualcuno si presenta con le parole “Non temere”, appunto perché di fronte alla manifestazione del divino la prima reazione dell’uomo, la più istintiva, è quella di fuggire, di tirarsi indietro spaventati. E questo in effetti pone un problema: Perché? Non sembra essere logico! Come mai, se siamo stati creati per essere in comunione con Dio, quando siamo davanti a Lui ci ritraiamo inorriditi? Come mai, anche ammesso che riusciamo ad entrare cinque minuti in una preghiera più intima e profonda, siamo sempre afflitti da mille distrazioni che vorrebbero distoglierci da quel contatto? Tante volte si dice che una persona dovrebbe seguire le sue naturali inclinazioni, eppure io non trovo in me alcuna inclinazione alla preghiera, almeno non in questa natura umana decaduta. C’è in me la nostalgia della preghiera, ma c’è al tempo stesso una forza che costantemente mi spinge via.

Il punto è che fin dall’inizio abbiamo prestato ascolto alla voce del serpente che ci ha convinti che Dio è nostro nemico, che pone i suoi precetti per legarci ed impedirci un pieno sviluppo della nostra umanità. Nota l’astuzia del serpente: tutti gli alberi sono a nostra disposizione, possiamo mangiare tutto, fare tutto, gustare tutto, il mondo intero è nelle nostre mani tranne una cosa sola. Ed è ben giusto e necessario che una cosa, una sola, sia sottratta al nostro potere perché quel divieto diventa il simbolo che ci ricorda che non siamo Dio, che siamo creature, legati al Creatore da un rapporto di assoluta dipendenza. In Lui ci muoviamo ed esistiamo, come dice S. Paolo. Ma l’arte del tentatore consiste nel farti dimenticare tutto il creato che è a tua disposizione per concentrarti su quell’unica cosa vietata, così che, come dice Sartre, finiamo con il convincerci che se per una sola cosa non siamo liberi allora non siamo liberi per nulla. E l’ironia amara di tutta la vicenda è che quella cosa che ci era vietata, l’essere come Dio, non ci era vietata in eterno, ma solo temporaneamente, finché non l’avessimo potuta ricevere in dono, ma noi abbiamo voluto rubare il dono che il Padre aveva preparato per noi!

A partire da quell’evento è accaduto un vero terremoto spirituale, le cui conseguenze giungono fino a noi addirittura amplificate. Adamo, credendo al serpente, ha rotto il rapporto fiduciale che lo legava a Dio, da cui riceveva tutto. Ha smesso di vederLo come Padre ed ha cominciato a vedere in Lui un padrone, ha smesso cioè di guardarLo con gli occhi del Figlio ed ha cominciato a vederLo come il diavolo stesso lo vede! L’uomo nel peccato non è più capace di guardare a Dio come a un Padre, ma proietta su di Lui l’immagine che ne ha il diavolo. Per il diavolo Dio è un padrone esigente e terribile, a cui non può sottrarsi, ma verso il quale è in una continua ribellione, sempre nel tentativo di guadagnarsi qualcosa per il proprio interesse, per riempire il proprio vuoto, vuoto che però, una volta separato da Dio, è divenuto incolmabile, nel diavolo come nell’uomo. Poiché abbiamo strappato via l’infinito dal nostro cuore, nel nostro petto è rimasta una ferita infinita, un’infinita nostalgia che niente, se non Dio solo, potrebbe saziare. Da quel giorno noi siamo la fame, noi siamo il bisogno.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Tags:
resurrezione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni