Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

3 motivi per non dubitare che Dio ha creato l’universo

Condividi
Una volta ho sentito che ci sono le stesse probabilità di vita intelligente nell’universo che se mettessimo tutte le lettere con cui è stato scritto il Don Chisciotte in un frullatore e uscissero in ordine, riproducendo perfettamente l’opera di Cervantes. Non so quanto sia esatto il paragone, ma riflette un po’ il contenuto di questo video.

Il «fine tuning» è la teoria secondo cui le costanti che rendono possibile la vita intelligente nell’Universo sono tanto precise che debbano essere impostate in modo opportuno. Nella nostra esperienza quotidiana, quando vediamo dei disegni pensiamo che sia stato qualcuno a tracciare quei segni. Se visitiamo i Moai dell’Isola di Pasqua, ci rendiamo conto che qualcuno ha scolpito quelle statue e le ha poste in quel luogo. Se vediamo Machu Pichu, la Muraglia Cinese o il Monte Rushmore ci rendiamo conto che non possono essere “formazioni naturali”, ma che qualcuno le abbia dovute disegnare e costruire. Lo stesso si può dire dell’Universo, perché è così complesso che è logico pensare che Qualcuno lo abbia disegnato, invece che sia semplicemente sorto per caso.

Va bene, è abbastanza ragionevole pensare che esista un Grande Architetto dell’Universo. Ma cosa sappiamo di questo architetto? Sappiamo che ha poteri speciali per creare la materia dal nulla. Ci si può rendere conto che è uno scientifico straordinario perché ha perfetta padronanza di fisica, chimica e matematica. Ha anche una creatività unica. La sua mano ha prodotto le più grandi opere d’arte che si possano osservare. Conosce ogni cosa della biologia e della genetica perché ha dato origine alla vita e le ha permesso lo sviluppo che ha portato all’essere umano. E a questi ha potuto trasmettere alcune delle sue proprie caratteristiche, come l’intelligenza e la libertà. Ok, sappiamo già alcune cose su questo architetto, ma alcune cose ci sfuggono.

Oltre ad alcuni dettagli su quando e come sono state create le cose, ignoriamo il perché dell’Universo. Perché Dio si è tanto adoperato per crearlo? Perché ha aspettato milioni di anni prima che sorgesse l’uomo? Arrivati a questo punto, la teoria del «fine tuning» non può più darci risposte. È lo stesso Architetto a darci la risposta sul perché dell’Universo e la Storia ci parla di Lui. Questa risposta di Dio è la Rivelazione che ha fatto al Popolo Eletto e poi al mondo intero mediante Gesù Cristo.

La Rivelazione ci dice che Dio ha creato tutto per amore e ha fatto l’Universo così com’è affinché l’uomo potesse abitarlo e sperimentare questo amore. Ci dice il Compendio del Catechismo che “Il mondo è stato creato per la gloria di Dio, che ha voluto manifestare e comunicare la sua bontà, verità e bellezza. Il fine ultimo della creazione è che Dio, in Cristo, possa essere «tutto in tutti», per la sua gloria e per la nostra felicità” (Compendio, 53). Dio ha predisposto ogni cosa nell’Universo affinché fosse possibile la vita umana, perché Lui non aveva nessuno non cui condividere amore e saggezza.

In fondo, il «fine tuning» è più di un’opera di ingegneria spettacolare, è la delicatezza con cui Dio ha voluto offrirci il miglior posto per poter sentire la sua misericordia. Credo che il miglior esercizio che possiamo fare è di contemplare la natura, la costante della gravità (Ω), il sole, l’aria, la pressione atmosferica, etc., e non dare nulla di tutto questo per scontato. In queste cose Dio ci parla dell’amore che ha per noi.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

 

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni