Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Io gesuita turco faccio da ponte tra due culture

STR / AFP
Condividi

P. Antuan Ilgit lancia l'appello su Fb: "Dopo i fatti di Ankara, anche la bandiera turca sui profili social"

“Vorrei che per qualche giorno cambiaste la foto del vostro profilo con una bandiera turca come avete e abbiamo fatto quando erano Parigi, Madrid, Londra ad essere colpite”. P. Antuan Ilgit si è rivolto agli amici di Facebook dopo l’attentato di Ankara del 13 marzo per chiedere ai giovani europei e occidentali di esprimere solidarietà verso le vittime e verso i loro coetanei turchi che vivono un tempo di grandi contraddizioni. P. Ilgit è il primo sacerdote gesuita di nazionalità turca in un Paese dove il clero è quasi esclusivamente straniero. Oggi è negli Stati Uniti per il dottorato in Teologia Morale al Boston College, ma il pensiero non può non correre alla Turchia e ad Ankara, in particolare, dove ha compiuto gli studi universitari e maturato la conversione al cristianesimo e la vocazione sacerdotale.

E’ il terzo attentato che colpisce la città in cinque mesi: cosa provi?

 Ilgit: È difficile leggere i giornali o guardare i Tg che aggiornano il conto delle vittime e dei tanti feriti: studenti universitari, il papà del giocatore del Galatasaray Umut Bulut, operai, poliziotti… Io sono di Mersin, a 25 chilometri da Tarso, ma Ankara è l’amata città in cui ho vissuto anni significativi della mia vita. Quattro anni di università a Scienze economiche e amministrative, durante i quali di sera vendevo dei gettoni per i telefoni pubblici proprio sulla strada dell’attentato e poi due anni di servizio militare, durante il quale prendevo i pullman dell’esercito nello stesso posto colpito nell’attentato precedente. Sono stato battezzato ad Ankara, ho celebrato la mia prima Messa sempre lì. Ho iniziato il mio dottorato che ora continuo qui a Boston, sempre lì ad Ankara vivendo circa un anno nella comunità dei gesuiti.

La tua famiglia è musulmana e tu sei cresciuto in questa fede. Come è iniziato il tuo percorso verso il cristianesimo?

Ilgit: Se anche i miei genitori sono di fede musulmana la loro appartenenza non è mai stata profondamente religiosa bensì socio-culturale. Dentro di me c’era un’inclinazione verso aspetti spirituali e profondi che non riusciva a trovare corrispondenza. La svolta che mi ha portato a incontrare Gesù come Figlio di Dio è stata la malattia di mia madre che abbiamo perso a 51 anni per un tumore. Mio padre faceva il pescatore e la mia famiglia non aveva i mezzi per pagare le spese sanitarie. Io avevo 20 anni e ho cominciato a pormi sull’ingiustizia, la sofferenza, la vita. Ho cercato risposte nel sufismo, nell’ebraismo, nel protestantesimo. Ogni incontro mi rimandava ad un altro.

E poi cosa è successo?

Ilgit: Sono entrato nella chiesa cattolica di sant’Antonio a Istanbul. Nella messa celebrata in turco ho incontrato un Dio che si era fatto uomo, un Dio onnipotente e umile, un Dio che metteva la sua tenda in mezzo all’umanità, al contrario di un Dio che aveva delle distanze invalicabili e tendeva sostanzialmente a giudicare e punire come ero stato istruito nei corsi coranici che da bambino frequentavo nella moschea del mio quartiere.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.