Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
Paolino di Nola
home iconStile di vita
line break icon

Come si può porgere l’altra guancia davanti al male?

© FREDERIC LEGRAND-COMEO/ SHUTTERSTOCK

padre Carlos Padilla - Aleteia - pubblicato il 23/11/15

Il vero amore non lascia mai vittime

In questi giorni stiamo vivendo la paura e l’angoscia generati dagli attacchi terroristici di Parigi. Ci siamo commossi e abbiamo sofferto di fronte alla nostra impotenza. Tanto dolore! Tanta crudeltà! Tanto odio! Il cuore si ribella di fronte all’ingiustizia.

Non ci piace l’odio della guerra. Non vogliamo vivere nella paura di un attacco terroristico. La paura di perdere la vita in qualsiasi momento. Ci fa male il terrore seminato in nome di Dio.

A volte possiamo usare il suo nome invano per seminare l’odio e la violenza. Diciamo che è per Dio, ma è per il nostro egoismo, per la nostra cattiveria. In nome di Dio non si può uccidere nessuno, non si può odiare. È impossibile, perché Dio è amore.

Padre Lombardi, portavoce del Vaticano, ha detto sugli attentati: “Attenzione! Questi omicidi posseduti da un odio insensato si chiamano terroristi proprio perché vogliono diffondere il terrore. Se noi ci lasciamo spaventare, hanno già raggiunto un loro primo obiettivo. È una ragione di più per resistere con decisione e con coraggio alla tentazione della paura. Naturalmente bisogna essere prudenti e non irresponsabili, prendere le precauzioni che siano ragionevoli. Ma dobbiamo continuare a vivere costruendo pace e fiducia reciproca”.

Penso al regno di pace che Gesù è venuto a instaurare dalla croce. Un regno in cui ci sono fiducia e sicurezza, perché Dio regna. Penso a tutto l’amore che ha seminato con la sua vita. Non ci sono state vittime al suo passaggio. L’amore vero non lascia mai vittime. L’amore autentico, generoso e profondo costruisce un altro tipo di case, un altro tipo di famiglie.

Gesù ha seminato un fuoco appassionato in coloro che lo amavano. Un fuoco che spezza le catene e libera. Un fuoco che fa sognare un amore eterno. Nel suo regno non ci si mette al centro. Si mette al centro l’altro, si mette al centro Dio. Il vero amore crea dipendenze sane.

L’amore che nobilita e dignifica è l’amore di Dio. È così che vogliamo che sia il nostro. L’odio ferisce.

Mi commuove Gesù quando mi chiede di non resistere al male (Mt 5,39). Mi chiede di porgere l’altra guancia. Come posso farlo quando tante volte il cuore vuole vendicarsi? La mia tentazione è resistere la male. Espellerlo dalla mia vita. Cacciare chi fa il male. Ripagare con la stessa moneta chi odia e ferisce. Rendere vittima chi lascia vittime al suo passaggio.

La mia tendenza è non voler sopportare chi è pieno di odio, e allontanarlo dalla mia presenza, rifiutarmi di accoglierlo nel mio cuore. Resisto al male. È l’istinto più vero che muove il mio cuore. Non sopporto il male, mi danneggia, mi fa perdere l’innocenza, mi fa guardare la vita senza la purezza di Cristo. Resisto. Non lo voglio.

E Gesù mi chiede di non resistere. Mi chiede di non odiare, di non volermi vendicare. Mi chiede di non volermi fare giustizia da me. Di non seguire la legge dell’“occhio per occhio, dente per dente”. Gesù mi chiede di essere mansueto e pacifico. Di seminare amore dove c’è odio. Di amare i miei nemici, quelli che mi odiano. E di dare speranza in mezzo alla morte.

Che il mio regno, il regno di Dio che c’è nel mio cuore, il regno che semino, sia il regno della vita, dell’amore, del rispetto. Un regno in cui ci sia speranza. Perché la speranza è l’ultima cosa che mi possono togliere come cristiano. La porto inscritta nell’anima per sempre, con il sangue e con il fuoco.

Nessuno può portarmi a odiare se io non voglio. Nessuno può far sì che semini odio con le mie mani se non voglio. L’amore è più forte, molto più forte dell’odio.

In nome di Cristo costruiamo un regno diverso. Nel suo nome, con le sue mani. In nome di Cristo, che regna, costruiamo la pace, lottiamo per la verità. Perché Egli è la verità. Nel suo nome costruisco il suo regno di pace.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
stile di vitaviolenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni