Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 24 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconStile di vita
line break icon

Due cuori, due anelli e poi una compagnia

Il blog di Costanza Miriano - pubblicato il 02/10/15


Eravamo rimasti allo stupore di san Paolo difronte al progetto del Matrimonio che il Creatore ha annunciato all’inizio della Genesi: l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà alla sua donna e i due saranno una carne sola. Mistero grande, esclama Paolo. Proviamo a percorrerne un tratto.

«Io accolgo te come mia sposa e prometto… Io accolgo te come mio sposo e prometto…»

Tra chi si svolge questo dialogo? A chi gli sposi, in qualità di ministri, prestano la loro parola, come fa il sacerdote nell’Eucaristia: il Mio corpo; o nella Penitenza: «Io ti assolvo»? «Io» chi? Cristo: è Lui che parla e fa. Il dialogo che gli sposi iniziano a pronunciare all’altare e proseguono poi per tutta la vita, dando forma e materia al Sacramento, in realtà è quello che proprio in questo momento, e da sempre, e per sempre, si stanno scambiando Cristo e la Chiesa: Io accolgo Te… Per questo, seguendo l’intuizione di san Paolo, l’amore tra Cristo e la Chiesa è ciò in cui il Sacramento del Matrimonio consiste. Ricorda quanto recita quel catechismo antico, cui prima ti ho accennato: che il Sacramento produce la realtà spirituale significata. Produce. Allora, moglie e marito, Chiesa e Cristo: questi due amori, umano il primo, il secondo divino, finiscono per prodursi reciprocamente. L’amore di Cristo e della Chiesa genera l’amore degli sposi. L’amore degli sposi genera l’amore della Chiesa a Cristo. Impossibile? No. Ti ho già ricordato di come la Vergine, una donna, è madre di Colui del quale è figlia: Dio.

In questo consiste la radice della dignità altissima del Matrimonio cristiano, della missione, della testimonianza e del compito cui sono chiamati gli sposi, in particolare a favore della Chiesa. Alla quale, certo, possono dare incremento quando concepiscono un figlio, atto grandissimo, nel quale, come ti ho ricordato in un’altra lettera, l’Onnipotente forma un’anima, continuando così, nel tempo, a creare dal nulla. Ma, indipendentemente dalla generazione, gli sposi fanno crescere la Chiesa in quanto attuano l’amore che la lega a Cristo, consolidandone l’unione con Lui, e venendone consolidati nella loro. Qui sta il fondamento dell’esigenza e del dono della fecondità, anche in barba a una sempre possibile infertilità; e della fedeltà, anche a dispetto delle pur non impossibili infedeltà; e dell’indissolubilità fino alla morte. Certo: la morte scioglie il Sacramento del Matrimonio, perché in Paradiso non serve più; tanto quanto, per esempio, l’Eucaristia. E non potrebbe essere altrimenti, infatti in Paradiso si vive la realtà completamente attuata: Cristo tutto in tutti. Gloria e beatitudine. C’è bisogno di altro? Questo non vuol dire che coloro che Dio in terra ha congiunto, in cielo Egli separerà. Anzi: tua madre e io, tu e tua moglie, noi tutti, nell’aldilà saremo certamente ancora più intimi e uniti di quanto lo siamo stati nell’aldiqua. Come? Inutile congetturare: fidiamoci di Dio e speriamo il Paradiso, dove ne vedremo delle belle.

Ecco cosa accade quando una donna e un uomo, liberamente, senza alcuna costrizione e pienamente consapevoli del significato della loro decisione, scelgono di lasciare che Cristo assuma e agisca il loro amore nel Sacramento del Matrimonio. Quel non sono più io che vivo, ma Cristo che vive in me, che il Battesimo afferma e che la vita intera, poi, è chiamata ad avverare, diventa un reciproco: non sono più io che ti amo, ma Cristo che ti ama in me. Donarsi reciprocamente Cristo. Diventare trasparenza di Cristo l’uno per l’altra. Dimmi tu se una donna e un uomo, da soli, potrebbero mai essere capaci di un amore più grande!

A questo punto è superfluo osservare che l’unione che si crea tra marito e moglie, non può più essere revocata. Quasi come l’ostia consacrata, di cui prima ti ho scritto che non può venire sconsacrata. C’è un uomo che può sancire che Cristo e la Chiesa smettano di amarsi? No. Tra l’altro tutto quanto nel Sacramento viene significato, prodotto e donato, diventa anche comandamento: Dio, parlando per bocca di san Paolo, ordina al marito di amare la propria moglie come Cristo ama la Chiesa. E la vera che gli sposi portano all’anulare, serve anche a ricordare questo.

È la volta del medio: l’invito alla tranquillità.

Alla quale ti esorto proprio quando diventa più evidente lo scopo che il demonio si prefigge, accanendosi per scardinare il Sacramento del Matrimonio.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Tags:
educazionefamigliafiglimatrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
KSIĄDZ PRZY OŁTARZU
Padre Bruno Esposito, OP
Breve ‘Vademecum’ per la nuova edizione del M...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
TEENAGER
Tom Hoopes
I 7 doni dello Spirito Santo rispondono a 7 n...
Giovanni Marcotullio
Vi spieghiamo perché la Messa comincia con il...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni