Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 10 Maggio |
Santa Louise de Marillac
home iconApprofondimenti
line break icon

Camus e la profezia sull’Europa che “non vive, vegeta”

© DR

L'Osservatore Romano - pubblicato il 04/01/15

Le parole del grande scrittore in un convegno del 1955

di Silvia Guidi

«Probabilmente è difficile trovare un’altra epoca in cui la quantità di persone umiliate è così grande»; non ha mezze misure Albert Camus nel denunciare il deficit di vita interiore dell’Europa del suo tempo, una società «borghese, individualista, che pensa alle proprie frigidità, ai suoi ristoranti (…) che non vuole vivere. Dichiara senza dubbio di voler vivere ma ha posto la vita a un livello così basso da non avere più la possibilità di proseguire nella Storia; vegeta, e nessuna società ha vegetato a lungo».

Siamo nel 1955, e lo scrittore sta partecipando a un dibattito organizzato dall’Union Culturelle gréco-française di Atene; il testo è stato tradotto in italiano e pubblicato sotto il titolo «Il futuro della civiltà europea» all’interno del libro Calendario della libertà (Bologna, Castelvecchi, 2013, pagine 122, euro 13,50) curato da Alessandro Bresolin e pubblicato in occasione del primo centenario della nascita dello scrittore. «Risponderò fuggevolmente — continua Camus rispondendo alle domande di Konstantinos Tsatsos, Georgios Theotokas, Phedon Vegleris e Euangelos Papanoutsos — dicendo che secondo me il principale nemico di una civiltà è generalmente se stessa. Se la civiltà europea è in pericolo, senz’altro lo è (…) soprattutto perché in sé non ha abbastanza salute né abbastanza forza per rispondere a questa sfida della storia. Riflessione fatta, la mia risposta non è poi così sfuggente». Le cause sono tante, ma la radice del problema è culturale, secondo Camus: sul banco degli imputati ci sono gli epigoni di Cartesio. «Potremmo chiederci, e parlo sempre al condizionale, se proprio il singolare successo della civiltà occidentale nel suo aspetto scientifico non sia in parte responsabile del singolare fallimento morale di questa civiltà. Per dirla diversamente, se, in un certo senso, la fiducia assoluta, cieca, nel potere della ragione razionalista, diciamo della ragione cartesiana per semplificare le cose, perché è lei al centro del sapere contemporaneo, non sia responsabile in una certa misura del restringimento della sensibilità umana che ha potuto, in un processo troppo lungo da spiegare, portare poco alla volta a questo degrado dell’universo personale». Un’aridità crescente, che fa sentire «il peso insopportabile di questo mondo, di cui peraltro, all’inizio, ero tanto soddisfatto», di cui tutti sono responsabili, grida Clamence, il protagonista di un racconto del 1956, La caduta, perché la connivenza con il male e la menzogna provoca conseguenze imprevedibili. «Le ideologia su cui fondiamo le nostre vite — continua l’autore dell’Homme révolté — sono in ritardo di cent’anni, ed è per questo che reagiscono così male alle innovazioni. Non c’è niente di più convinto della propria verità di un’ideologia andata a male».

Per superare la misteriosa pulsione di morte che lo segna nel profondo, l’uomo dovrebbe essere trasfigurato da qualcosa o qualcuno che non coincida con lui stesso, perché «c’è sempre nell’uomo una parte che vuole morire. È quella che domanda di essere perdonata», scrive Camus, uno dei padri dell’esistenzialismo ateo del Novecento. Per questo «l’amore di Dio — continua lo scrittore francese — è, a quanto pare, il solo che riusciamo a sopportare, perché vogliamo sempre essere amati malgrado noi stessi».

Tags:
europafilosofia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
2
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni