Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

La messa nera, parodia della celebrazione eucaristica

© Mickaël Caruge
Condividi

Generalmente vengono profanate delle ostie e commesse violenze sessuali

di Stefano Stimamiglio

Don Gabriele, qualche settimana fa lei accennava alle messe nere. Cosa sono esattamente?

Una messa nera è la parodia della nostra Messa, una liturgia in cui si adora e si esalta Satana. Di solito viene officiata di notte, perché il favore delle tenebre permette maggiore riservatezza e perché durante le ore notturne meno gente si trova in preghiera, cosa questa che disturberebbe il rito. Vengono poi usate parole tratte dalla nostra liturgia eucaristica e segni esterni con un significato opposto a Dio: un “sacerdote”, officiante con addosso indumenti blasfemi, un crocifisso rovesciato, un altare rappresentato da una donna nuda, possibilmente vergine, su cui vengono compiuti atti gravissimi di profanazione dell'Eucaristia rubata in chiesa, eccetera. Chi partecipa è membro della setta satanica. Mai vengono ammesse ad assistervi persone estranee per mera curiosità, a meno che non si speri che poi queste, sedotte dalle perversioni e dall'illusione dei poteri che vengono conseguiti, decidano di entrare nella setta. In genere le messe nere sono “celebrate” da piccoli gruppi di dieci, massimo quindici “fedeli”. La donna, una volta compiuto il rito, viene violentata a turno da tutti i partecipanti; prima da quello che ha fatto le funzioni del “sacerdote”, poi da tutti gli altri.

Vi sono ricorrenze simili alle nostre?

Sì, certamente. Esistono ricorrenze “comandate”, legate a particolari feste. Quella più importante è quella di Halloween, che cade nella notte tra il 31 ottobre e il 1° novembre di ogni anno; essa è considerata il Capodanno magico. La seconda precede la nostra festa della presentazione di Gesù al Tempio del 2 febbraio. La notte prima, infatti, ricorre l'inizio della Primavera magica. L'estate magica, la terza “solennità” satanica, è nella notte tra il 30 aprile e il 1° maggio. Spesso, poi, durante l'anno sono scelte le notti in cui s'inaugura la luna nuova perché particolarmente buie.

Chi officia questi riti di solito è posseduto?

Sono persone consacrate a Satana, questo è fuori di dubbio; che poi siano anche posseduti dal demonio non è però detto. Da quanto ne so potrebbero anche non esserlo.

Ha mai esorcizzato una persona che aveva trafugato un'ostia consacrata per partecipare a una messa nera?

Certamente. Ne ho avuta una, in particolare, che rubava ostie dappertutto nonostante avesse intrapreso un coraggioso cammino di liberazione. Spesso, da quello che mi diceva, agiva in quel modo in uno stato di completa incoscienza, dovuta all'attivazione dello stesso stato di trance tipico delle persone possedute.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni