Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ecco perché san Valentino è il patrono degli innamorati

© DR
Condividi

Quando ha avuto inizio questa tradizione legata alla figura del vescovo martire e patrono della città di Terni?

Un filone della critica letteraria attribuisce la responsabilità della diffusione di tale patronato al poeta inglese Geoffrey Chaucer. The Parliament of Fowls, un poema allegorico da lui composto presumibilmente durante il soggiorno in Italia dal 1372 al 1380, è considerato dagli studiosi una delle prime testimonianze letterarie in cui san Valentino è chiamato a sovrantindere al risveglio dell’amore. In esso la ricorrenza viene collegata al fidanzamento di Riccardo II d’Inghilterra con Anna di Boemia.

3) Originariamente era venerato solamente come patrono di epilettici, bambini malati e animali domestici.

Prima del fiorire delle numerose leggende che ne fecero il simbolo degli innamorati, san Valentino, come dimostra il prototipo iconografico dilagante soprattutto nel nord d’Italia, era venerato come patrono degli epilettici. Questo sulla base di un testo, la Vita Sancti Valentini, composto entro il 725, nel quale si racconta della sua guarigione miracolosa di Cheremone, il figlio di un maestro di retorica latina di nome Cratone che insegnava a Roma, e che in seguito decise di farsi battezzare insieme ai suoi congiunti, incorrendo così nelle ire dei pagani che portarono infine alla decapitazione di Valentino.

Ancora oggi, nel Veneto, il patrono di Terni viene invocato contro l’epilessia, per i malati psichici e i bambini. Particolare la devozione a Bussolengo e a Monselice dove nella chiesa di san Giorgio si venerano delle reliquie del santo provenienti da Roma. Tra gli aspetti curiosi di questo luogo, vi è anche quello, ripreso da una leggenda, della chiave benedetta che i genitori donano il 14 febbraio ai propri figli in segno di protezione dall’epilessia. Le chiavi dovrebbero consentire ai bambini anche di aprire le porte del Paradiso. Anche al sud d’Italia, si conservano tracce di devozione al santo: a Vico del Gargano vi è la tradizione di donare grandi quantità di arance per l’addobbo della chiesa e della cappella di san Valentino, patrono degli agrumeti.

All’estero la devozione per san Valentino non è meno sentita. Ma oltre al patronato sugli epilettici, diffuso in quasi tutti i paesi, in Francia vi è l’usanza di invocarlo anche da parte degli apicultori. Sempre per merito dei Benedettini il culto per san Valentino scavalcò i confini d’Italia penetrando anche in Germania dove si fuse al culto di un altro santo omonimo patrono della diocesi di Passau, vescovo della Rezia (Lorch), documentato nel VI sec. e festeggiato il 7 gennaio, anch’egli invocato contro l’epilessia e come protettore degli animali domestici.

Il culto del santo è penetrato infine nella Chiesa orientale tanto che ancora oggi nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca si venera una sua icona in carattere cirillico.

4) Due, in particolare, le leggende che fecero di lui il santo degli innamorati: quella della Rosa della riconciliazione e quella legata all’unione tra la giovane cristiana Serapia e al centurione romano Sabino.

Si racconta che un giorno Valentino, sentendo discutere due fidanzati che stavano passando appena fuori del suo giardino, uscì loro incontro portando in dono una rosa rossa, e invitandoli a fare la pace. Le parole del santo ebbero la forza di rasserenare la coppia e, trascorso del tempo, i fidanzati tornarono da Valentino chiedendo la benedizione per le nozze e promettendosi amore eterno. Quando la popolazione venne a conoscenza del fatto, ebbe inizio l’usanza di donarsi rose tra innamorati e di recarsi al cospetto di Valentino per invocarne protezione.

A Terni si narra, infine, la storia d’amore di una fanciulla cristiana di nome Serapia nei confronti del centurione pagano Sabino. Quando i due riuscirono finalmente a vincere le resistenze dei genitori di lei grazie al battesimo di Sabino e alla fede della ragazza, questa si era già ammalata di tisi. Le rimaneva ancora poco tempo da vivere, e Valentino decise di recarsi al capezzale della giovane. Serapia aveva accanto a sé Sabino, desideroso di poter restare per sempre con lei. Quella incrollabile volontà fu esaudita e, con l’intercessione del santo, i due innamorati, abbracciati tra loro, caddero in un sonno che li congiunse per l’eternità

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni