Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconNews
line break icon

Don Gregorio Lopez, il prete col giubetto antiproiettile

© DR

Alver Metalli - Terre D'America - pubblicato il 24/01/14

Il caso del sacerdote messicano e il fallimento delle politiche della “mano dura”

La foto del prete messicano con il giubbotto antiproiettile addosso ha fatto il giro del mondo e parla più di un saggio di mille pagine sulla situazione del grande paese centroamericano con la più lunga frontiera terrestre in comune con gli Stati Uniti. Di un area del Messico in ogni caso, quella dello stato meridionale di Michoacán, dove attualmente si affrontano, spesso in un gioco delle parti, le truppe dell’esercito, le milizie civili, e i sicari del cartello chiamato dei Templari.

Gregorio López, questo il nome del sacerdote, è parroco di una parrocchia in Apatzingán, una delle città del Michoacán più violente della regione. Nella fotografia lo si vede fasciato da un giubbotto antiproiettile di fattura militare, il crocefisso di fianco, la foto incorniciata di un anziano Giovanni Paolo II alle spalle, da cui è stato ricevuto in udienza una decina d’anni fa. “Padre Goyo”, come lo chiama la gente del posto, ha iniziato ad utilizzare il giubbotto lo scorso ottobre, un po’ per richiamare l’attenzione su di sé, un po’ come vera protezione personale dopo aver ricevuto diverse minacce da parte di gruppi criminali locali. Non c’è da sorprendersi del resto, vedendolo e ascoltandolo parlare. Ai Cavalieri Templari, che nella zona fanno il bello e cattivo tempo, ha lanciato accuse severe, descrivendo i loro misfatti con informazioni di cui solo un parroco di popolo può venire a conoscenza.

“So come mastica una iguana, so come corre l’acqua” dice con linguaggio colorito per far capire che “conosce bene come stanno le cose”. La sua fonte d’informazione “è la gente”, da loro sa “quanti morti e quanti sequestri ci sono, quanti ranchos hanno derubato, che ministeri pubblici, studi notarili e poliziotti stanno dalla parte” dei banditi. Si capisce che la sua vita, giunta a 46 anni appena compiuti, non possa essere tranquilla, se mai lo è stata. “Hanno il potere di decidere chi può lavorare per il Governo e persino chi può tagliare i limoni”. Non ci va leggero neppure con le autorità padre López, che accusa di aver permesso “al crimine di controllare tutto”.
Si aggiusta il giubbotto antiproiettile prima di celebrare messa. Sopra indossa la veste. Controlla che le sue guardie del corpo siano al loro posto. Non vorrebbe che la sua protesta venisse trasformata in uno show mediatico, ma sa che è come chiedere che una iguana passi inosservata in una boutique di cristallo.

Le parole del “prete con il giubbotto antiproiettile”, come è oramai conosciuto ovunque trovano eco nella diagnosi appena diffusa dalle Nazioni Unite “sullo stato della sicurezza in America Latina”. La ricerca, presentata ieri in Guatemala dal direttore dell’Agenzia per l’America Latina e i Caraibi, Heraldo Muñoz, evidenzia che i paesi che hanno intrapreso politiche prevalentemente repressive per combattere la criminalità – Messico, Brasile, Guatemala, El Salvador e Honduras– sono quelli in cui più si è incrementata la violenza e gli assassini, e dove i gruppo criminali organizzati si sono maggiormente consolidati”. Il rapporto cita per contrasto le esperienze di “prevenzione” e “reinserimento” adottate da paesi come la Colombia e la Repubblica Dominicana, “dove si è registrata una diminuzione sensibile di atti criminali”.

Qui l'articolo originale

Tags:
america latinamessiconarcotrafficantiviolenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
ABORTION
Giovanna Binci
Ride, balla, abortisce e posta: teenager “celebra” ab...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni