Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santi Mario e Famiglia
home iconApprofondimenti
line break icon

Meno regali, Capodanno in casa e più disagio sociale. Le feste amare degli italiani

JEAN-PIERRE MULLER

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Team - pubblicato il 27/12/13

Il Sir: italiani impreparati culturalmente alla povertà. Letta: per il nuovo anno varati 800 milioni per risollevare chi è in difficoltà

Niente pacchetti sotto l’ albero per una famiglia italiana su cinque, e cena e pranzo meno sontuosi per quasi tutti. La crisi economica ha gelato anche questo Natale 2013 e tutti, consumatori e produttori, segnalano cali talvolta anche a due cifre nella spesa per le festività.
Una famiglia su cinque non ha fatto regali e la spesa ha registrato una contrazione dell’ 11,4% rispetto al 2012, secondo i calcoli effettuati dall’ Osservatorio Nazionale Federconsumatori, che ha stilato il bilancio di quanto gli italiani hanno destinato ai regali natalizi. La spesa media delle famiglie è stata di 131 euro, e nel complesso si è attestata su 3,35 miliardi.

Ancora peggiori le stime del Codacons, che parla di tagli ai regali in media del 15%: complessivamente, afferma l’ associazione, per regali, addobbi, viaggi, insomma tutto il non alimentare, gli italiani hanno speso 600 milioni di euro in meno rispetto al 2012, e ben 7,7 miliardi di euro in meno rispetto a quanto si spendeva per Natale nel 2007, prima che cominciasse la crisi. (Avvenire, 27 dicembre).

E in vista del Capodanno lo scenario sembra addirittura peggiorare. Sono circa 4 milioni gli italiani che trascorreranno l’ultimo dell’anno fuori casa con una riduzione stimata pari all’11% rispetto al 2012. E’ quanto sostiene la Coldiretti nel sottolineare che, però, ben sei italiani su dieci (60%) alloggerà in case di proprietà o di parenti o amici. (Il Sussidiario 27 dicembre)

Insomma, sono festività che cadono in un momento di grande difficoltà per gli italiani. «Scoprirsi più poveri e continuare a sperare. È l’Italia del 2013 e che si affaccia al 2014», titola un editoriale del direttore del Sir, Domenico Delle Foglie. «Scoprirsi poveri, per milioni e milioni di italiani che non hanno memoria della povertà, è stato ed è un autentico choc collettivo», dal quale «non ci siamo ancora ripresi, al punto che continuiamo a raccontare storie di persone che per dignità celano la loro nuova condizione di disagio sociale. Pensionati e anziani, ma non solo. Anche giovani, a cui le famiglie non riescono a garantire più nulla di quanto sino all’altro ieri era certo». «La verità – secondo Delle Foglie – è che non ci siamo preparati culturalmente e spiritualmente alla povertà». (AgenSir, 25 dicembre)

Una spallata al contrasto alla povertà per il 2014 proverà a darla il decreto mileproroghe appena varato dal Consiglio dei Ministri. «E’ un intervento di tipo amministrativo che assegna 2,2 miliardi a sostegno alle imprese, 700 milioni alle misure a sostegno del lavoro e dell’occupazione, 300 milioni per il contrasto alla povertà e 3 miliardi di euro a sostegno delle economie locali», spiega il premier Enrico Letta. «Il disagio sociale in questo momento – prosegue – rappresenta la trincea più difficile». Complessivamente gli interventi anti-povertà per il nuovo anno si aggirano sugli 800 milioni, «500 stanziati in precedenza e 300 milioni adesso», chiosa il capo del Governo. (Redattore sociale, 27 dicembre)

Tags:
crisi economicaitaliapovertà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anche in ospedale
3
Gelsomino Del Guercio
Il viaggio nell’Aldilà di Gloria Polo: Gesù mi ha mostrato il “Li...
4
PIENIĄDZE ZA MSZĘ
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Stipendio dei preti, quanto guadagnano? Quei ...
5
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconfiggere il male nel m...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni