Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconNews
line break icon

La Chiesa si mobilita per aiutare le Filippine dopo il tifone Haiyan

© DR

Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 18/11/13

La Fondazione Aiuto alla Chiesa che Soffre ha stanziato un contributo di 100mila euro in favore delle vittime del tifone. Gli aiuti saranno distribuiti tramite la Conferenza episcopale delle Filippine

Aiuto alla Chiesa che Soffre ha stanziato un contributo straordinario di 100mila euro in favore delle vittime del tifone Haiyan. Gli aiuti saranno distribuiti attraverso la Conferenza episcopale delle Filippine che potrà così donare viveri, acqua potabile e medicine alla popolazione in difficoltà.
«È per noi un dovere, in un momento così tragico, rispondere alla drammatica crisi umanitaria – ha dichiarato Regina Lynch, responsabile internazionale della sezione progetti di ACS – Non appena la situazione sarà stabilizzata, stanzieremo nuovi e più ingenti contributi per ricostruire chiese e altri edifici religiosi. I danni sono molto ingenti: ci hanno informato anche della distruzione di un seminario».

Il contributo straordinario è stato approvato martedì scorso dal presidente esecutivo internazionale di ACS Joannes von Heereman. Venerdì 8 novembre il ciclone tropicale si è abbattuto sull’arcipelago, causando, secondo le ultime stime ufficiali, quasi 4mila morti. Risultano invece disperse oltre 1200 persone.
«Nelle Filippine siamo abituati a questo tipo di calamità naturali – ha dichiarato ad ACS padre Edwin Gariguez segretario esecutivo di Caritas Filippine – Qui i tifoni vanno e vengono, ma non avevamo mai visto nulla di simile. Haiyan è stato veramente devastante: la popolazione è disperata, in molti sono tuttora in cerca dei propri cari e in troppi hanno perso la vita».
Padre Gariguez ci riferisce delle enormi difficoltà per raggiungere le vittime nelle aree più isolate e nelle isole più piccole. «Le poche informazioni disponibili ci sono fornite dalle parrocchie locali – spiega – Purtroppo vi sono zone inaccessibili perfino per il governo, dove in tanti hanno bisogno d’aiuto».

Le province di Samar e di Leyte sono tra le maggiormente affette dal ciclone. La città di Tacolban, capoluogo di Leyte, è stata quasi interamente distrutta. Fonti locali informano ACS che le 15 parrocchie locali ed il monastero di St. Nino si sono trasformate in centri deputati alla distribuzione di aiuti.
Tragiche notizie giungono ad ACS anche da altre regioni. Ad Iloilo, nell’omonima provincia, è andato distrutto il 95% delle costruzioni, mentre nella provincia di Cebu tutti gli abitanti di Bogo, Daanbantayan e Bantayan sono rimasti senza casa. Alcuni sacerdoti dell’isola di Busuanga raccontano poi di oltre 600mila famiglie appartenenti alla tribù Tagbanua costrette a lasciare le proprie abitazioni.

Aiuto alla Chiesa che Soffre continuerà a sostenere la Chiesa delle Filippine nella sua opera al fianco della popolazione locale. Chiunque lo desideri può contribuire con una donazione.
Roma, 18 novembre 2013

Aiuto alla Chiesa che Soffre” (ACS), Fondazione di diritto pontificio fondata nel 1947 da padre Werenfried van Straaten, si contraddistingue come l’unica organizzazione che realizza progetti per sostenere la pastorale della Chiesa laddove essa è perseguitata o priva di mezzi per adempiere la sua missione. Nel 2012 ha raccolto oltre 90 milioni di euro nei 17 Paesi dove è presente con Sedi Nazionali e ha realizzato oltre 5.604 progetti in 140 nazioni.

Tags:
aiuto alla chiesa che soffrecaritasfilippinetifone haiyan
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni