Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconSpiritualità
line break icon

Gesù aveva il senso dell’umorismo?

Jesus Christ

yoeml | Shutterstock

Edifa - pubblicato il 28/03/21

Se nel Nuovo Testamento non vediamo Gesù né ridere né scoppiare a ridere, questo non significa che Gli mancasse il senso dell'umorismo.

Ridere è salutare per l’uomo. Ci libera dalle nostre rigidità, dalle nostre paure, dalla tentazione di prenderci sul serio. Tuttavia, ci si può chiedere se ridere non sia una conseguenza del peccato originale, ma allo stesso tempo una consolazione per la situazione di esilio in cui ci troviamo. La vita dell’uomo è dura. Ridere a volte può addolcirla, altre volte indurirla ancora di più.

Il sorriso abita il cuore prima di illuminare il viso

In effetti, è impossibile beatificare la risata, qualsiasi tipo di risata. Come dice un Padre della Chiesa, “chi ride con Satana non potrà gioire con Cristo”. C’è una cattiva risata, la conosciamo bene: l’ironia offensiva, lo scherno sprezzante, il basso vaneggiamento contro cui l’apostolo Paolo mette in guardia le sue comunità (Ef 5,4). Come l’indica l’espressione, scoppiare a ridere può essere il segno di una perdita di controllo, in definitiva disumanizzante. Le Beatitudini secondo San Luca sono seguite dai quattro “guai”, tra le quali queste parole che fanno riflettere: “Guai a voi che ora ridete, perché sarete afflitti e piangerete”. Senza fare il guastafeste e senza prendersi per il Curato d’Ars, che spesso metteva in guardia i fedeli contro le feste, bisogna ammettere che le riviste, i film, i programmi, le serate che dovrebbero far ridere, a volte non sono proprio divertenti. Ci si chiede fino a che punto arriverà la derisione, la volgarità, la stupidità di certi intrattenitori pubblici.

Eppure c’è una buona risata, tonica, amichevole e anche morale. I veri comici sono persone che amano gli altri. Con loro, ridere è bello. A casa loro, umorismo e umiltà si tengono per mano; hanno la stessa radice: l’humus della nostra comune condizione umana. Con loro, non impariamo le risate, ma la gioia. Forse rideremo meno, di quella risata spasmodica che alla fine decade e ci lascia con le nostre tristezze non guarite. Ma sorrideremo di più; il sorriso è la gioia che rimane; abita il cuore prima di illuminare il viso.

Nella Sua Santa umanità, Gesù ha sperimentato e irradiato la gioia divina

Nei Vangeli, Gesù non manca di umorismo. Ne ha bisogno, inoltre, di fronte alla pesantezza dei discepoli, che pensano al fornaio quando Gesù parla del lievito dei farisei, o che, dopo due moltiplicazioni dei pani, temono ancora di morire di fame! Mi piace pensare al sorriso di Gesù. Lo vediamo nel Vangelo condividere le nostre gioie umane: le nozze di Cana; il balbettio dei bambini che gli apostoli, troppo seri, vogliono scacciare; i pasti conviviali, anche e soprattutto tra i peccatori; lo stupore davanti ai gigli del campo, i tramonti, il seme che diventa albero… E anche la gioia liturgica delle assemblee nella sinagoga; i pellegrinaggi al Tempio; la “prima messa”, tanto desiderata nella sera del Giovedì Santo.

E anche la gioia dell’evangelizzazione. Lo Spirito Santo Lo ha fatto tremare di gioia e ha cominciato a lodare il Padre, che Si fa conoscere ai piccoli. La gioia più profonda del Padre e del Figlio è di amarSi così totalmente: in Lui ho messo tutto il Mio Amore. Nella Sua Santa umanità, Gesù ha sperimentato e irradiato quella gioia Divina, che è superiore a qualsiasi altra, e che vuole diventare la nostra stessa gioia: “Dico questo mentre sono ancora tra voi, perché la Mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.” (Gv 17,13).

Padre Alain Bandelier

Tags:
gesù cristosorrisoumorismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più