Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 24 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconStile di vita
line break icon

Educazione affettiva e sessuale: come parlarne al figlio adolescente?

SEXTING

mooremedia | Shutterstock

Edifa - pubblicato il 08/03/21

Come si fa a parlare di sessualità con i propri adolescenti? Bisogna dare loro delle risposte poetiche o delle informazioni tecniche? I genitori, come i loro figli, sono spesso smarriti, impotenti e imbarazzati quando queste conversazioni hanno luogo. Ecco qualche consiglio pratico da una sessuologa.

di Olivia de Fournas

I genitori sono attrezzati per parlare di amore “in verità”? Verso l’inizio della scuola media, sono a volte imbarazzati quando vogliono affrontare l’argomento della sessualità con il proprio figlio, e spesso sfoderano un discorso dogmatico già pronto. Ma attenzione, l’adolescente pensa: “Aiuto” quando i suoi genitori arrivano in modalità: “Ho bisogno di parlarti”! ”, dice Thérèse Hargot sessuologa, filosofa e autrice francese di Une jeunesse sexuellement libérée (ou presque). Come possiamo quindi affrontare questa questione? Iniziando molto presto, replica la specialista: “La sessualità si costruisce durante la prima infanzia, direi addirittura dal grembo materno, nel modo in cui i genitori s’immaginano il bambino, cambiano i pannolini, curano il corpo, promuovono la modestia e il pudore.”

Il discorso dei genitori deve cambiare tra la scuola media e la scuola superiore

Il ruolo dei genitori è quindi molto più ampio di quello di un educatore che lavora in ambiente scolastico, ad esempio, perché fornisce informazioni nel tempo, in particolare attraverso il linguaggio non verbale. Il clima in cui il bambino sarà cresciuto, se i genitori si amano, se essi stessi sperimentano una sessualità in linea con i messaggi che trasmettano, plasmerà la sua visione. “Il modo in cui i genitori vivono ed esprimono il loro amore è meglio di tutti gli altri discorsi”, riassume Thérèse Hargot, “e un genitore a suo agio non si pone la domanda: come parlare di sessualità, o quando”. Tuttavia, questa educazione non verbale e a lungo termine non dovrebbe eliminare qualsiasi altro discorso più diretto sull’argomento. Ma anche qui i genitori dovranno dare prova di pedagogia e pazienza. Oggi, per passare da un discorso qualsiasi che banalizza le esperienze sessuali, ad una sessualità magnificata dalla teologia del corpo, è necessario avanzare in modo progressivo.

“Ogni cosa a suo tempo”, insiste Thérèse Hargot. Alle scuole medie, il preadolescente scopre un corpo al quale si adatta con più difficoltà a mano a mano che questo cambia. Interrogandosi sulla propria identità, può ascoltare ciò che dice l’educazione affettiva come disciplina intellettuale. Al liceo, invece, un discorso spirituale avrà molto più peso su un terreno affettivo già preparato, ” Ci vuole una maturità emotiva per poter integrare la gioia della castità prima del matrimonio”.

Trappole da evitare

Infine, i genitori devono fare attenzione ad evitare due insidie. La prima è quella di parlare di sessualità solo sotto forma di divieti. La seconda è quella di parlare solo della bellezza del corpo o della meraviglia del neonato. Nel primo caso, l’adulto non raggiunge le realipreoccupazioni del ragazzo che sta scoprendo il suo corpo e il sentimento d’amore. Nel secondo, “passa sotto silenzio che il bambino non è il fine della sessualità, ma solo il suo frutto”.

La sessuologa propone invece di appoggiarsi alle emozioni del bambino, per mostrargli che un giorno quelle unioni gli porteranno la gioia che spera, facendo in modo di trasmettergli, naturalmente, che il piacere sessuale non è l’obiettivo dell’unione, ma l’espressione dell’amore che lo accompagna. 

Tags:
educazione sessualefiglisessualità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più